VIDEO | Valentina, donna e parà: “Non rinuncerei mai a questa passione”

Il maresciallo Valentina Ostuni rispondendo a come si senta in un mondo professionale quasi tutto maschile, ha raccontato all’agenzia Dire la passione che la lega al suo lavoro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PRISTINA (KOSOVO) – “Mi trovo perfettamente integrata con i colleghi maschi, bisognerebbe fare la domanda a loro: se si siano integrati con noi”. Piglio sicuro e profondamente legata alla sua professione il maresciallo Valentina Ostuni rispondendo a come si senta in un mondo professionale quasi tutto maschile, ha raccontato all’agenzia Dire la passione che la lega al suo lavoro.

LEGGI ANCHE

VIDEO | La comandante Emanuela: “Amore per la patria come un ‘colpo di fulmine’

VIDEO | Kosovo, la radiologa dell’esercito: “Appassiona il contatto con i pazienti”

VIDEO | Kosovo, le professoresse del liceo di Istok: “Per i giovani qui la scuola è importante”

CHI E’ VALENTINA OSTUNI

Paracadutista dell’Esercito italiano, a Camp Film City, in Kosovo, si occupa delle “comunicazioni e gestione della parte classificata”, dopo aver maturato competenze informatiche proprio grazie alla Forza Armata. “Mi sono arruolata nel 2007, ho 31 anni” e a proposito dell’addestramento per diventare paracadutista, ha spiegato: “Ci sono voluti anni, ma ci sono riuscita. Oltre che un percorso fisico abbastanza impegnativo, e’ un discorso mentale e ci vuole la testa, la testa fa tanto”. Romanticismo e passione quindi, ma duro addestramento e tanta costanza. Valentina è sposata con un militare ed è “serena” perché chi le è accanto la “comprende e la supporta”. Essere in un teatro operativo, lontani da casa, è difficile, ma del resto Valentina con sincerita’ ha ammesso: “Questo è quello che voglio” e non sarebbe “assolutamente disponibile a rinunciare a questa passione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Febbraio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»