hamburger menu

Giulia Cecchettin, per l’avvocato c’è anche lo stalking: “Era un assedio psicologico”

Turetta davanti al gip si è avvalso della facoltà di non rispondere ma ha confermato di aver ucciso Giulia come già ammesso davanti dalla Polizia tedesca. Il legale della famiglia Cecchettin vuole contestare l'aggravante dello stalking

Pubblicato:28-11-2023 13:48
Ultimo aggiornamento:29-11-2023 08:24
Canale: Donne
Autore:
turetta infermità mentale
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

BOLOGNA – Un omicidio aggravato dallo stalking, perchè Filippo Turetta era diventato nell’ultimo periodo un “molestatore assillante” nei confronti di Giulia. A sostenerlo è l’avvocato Nicodemo gentile, che assiste la famiglia di Giulia Cecchettin, la 22enne uccisa due settimana fa dall’ex fidanzato Filippo Turetta pochi giorni prima che si laureasse. L’avvocato, come riportato su diverse testate giornalistiche, ha spiegato che ritiene che l’omicidio di Giulia sia “aggravato dallo stalking”, dal momento che il ragazzo “ha dimostrato di essere un ‘molestatore assillante'” e che “il suo comportamento, come sta emergendo da più elementi da noi già raccolti, è connotato da plurime e reiterate condotte che descrivono ‘fame di possesso’ verso la nostra Giulia“.

LEGGI ANCHE: Il papà di Giulia Cecchettin: “Parlate, denunciate, fidatevi”
LEGGI ANCHE: L’audio di Giulia Cecchettin ad un’amica: “Vorrei non vederlo più ma ho paura per lui, mi sento in colpa”
LEGGI ANCHE: Giulia Cecchettin bambina con la mamma, il saluto della sorella: “Abbracciatevi anche per me”

LEGGI ANCHE: Giulia Cecchettin, l’appello della sorella: “Turetta è il figlio sano del patriarcato. Uomini vigilate sui vostri amici”

Il legale ha parlato anche di “un assedio psicologico che aveva provocato nella ragazza uno stato di disorientamento e di importante ansia”. Turetta ha gestito il rapporto con la sua ex in modo “padronale” e questo lo ha spinto “prima a perpetrare reiterate azioni di molestie e controllo, anche tramite chiamate e messaggi incessanti, e poi, in ultimo l’omicidio, al fine di gratificare la sua volontà persecutoria”.

Questa mattina, intanto, Turetta è stato interrogato dal gip Benedetta Vitolo nel carcere di Verona. Si è avvalso della facoltà di non rispondere, prassi abbastanza comune in presenza di indizi di colpevolezza schiaccianti. Ha però reso dichiarazioni spontanee in cui ha ammesso l’omicidio, confermando le primissime informazioni rilasciate alla Polizia tedesca al momento dell’arresto. Che aveva ucciso Giulia e poi aveva cercato di farla finita senza riuscirci. Davanti al giudice Turetta avrebbe anche pianto, ma la circostanza che viene riportata su tanti siti non è stata confermata dal legale Giovanni Caruso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-11-29T08:24:56+01:00

Ti potrebbe interessare: