Regionali 2020, in Puglia Fitto lancia la volata. Emiliano insegue

Sondaggio di Tecnè per l’agenzia Dire, svolto tra il 3 e il 4 agosto
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – Michele Emiliano, governatore uscente della Puglia, parte svantaggiato nei sondaggi. Lo attesta l’indagine Dire-Tecnè che per le regionali del 20 e 21 settembre vede il candidato di centrosinistra leggermente indietro rispetto a Raffaele Fitto, espressione del centrodestra.

Percentuali comunque vicine per i due contendenti, con Fitto dato tra il 40 ed il 44% ed Emiliano che insegue con il 35-39%. Cinque stelle molto indietro con Antonella Laricchia che nel sondaggio occupa la terza piazza con un gradimento tra il 13 ed il 17%. Ivan Scalfarotto, candidato di Italia Viva, Azione e +Europa, oscilla intorno al 5% (2,5-6,5%). Sotto il 3% gli altri. Il sondaggio, realizzato su un campione di 1.000 casi, è rappresentativo della popolazione maggiorenne residente in Puglia, articolato per sesso, età, provincia ed ha avuto come estensione territoriale l’intera regione.

SEGUI LO SPECIALE DIRE SULLE REGIONALI 2020

Le interviste sono state effettuate il 5-6 agosto 2020 con metodo cati-cawi contattando in totale 6.690 soggetti (100%) di cui rispondenti 1.000 (14,9%), rifiuti/sostituzioni 5.690 (85,1%), con un margine di errore di +-3,1%. A dichiarare il voto il 48% con un 52% di astenuti/incerti. La Puglia, che vede quasi la metà della popolazione 15-64 anni occupata (46,2%), con un reddito medio annuo delle famiglie (2017) sotto i 30mila euro (27.553 euro) e con poco più di una famiglia su 5 povera (dati Istat), stante l’esito del sondaggio potrebbe passare al centrodestra dopo i cinque anni a guida Emiliano. Poco probabile che il M5S possa riuscire nel compito di dare alla Regione la prima presidente donna.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»