Roma, nel centro storico maxi blitz dei vigili contro gli abusivi

ROMA – È partito alle 9.30 un maxi blitz antiabusivismo commerciale della Polizia locale di Roma Capitale voluto dal comandante Antonio Di Maggio. Nel mirino del Gruppo Sicurezza sociale e urbana e di altre pattuglie dei vari Comandi di zona, coordinati dal Comando generale, i venditori abusivi. Controlli di polizia stradale poi nel I municipio, e in particolare nella zona del Tridente.

CONTROLLI A TAPPETO DEI VIGILI IN PIAZZA VITTORIO

Sono circa una decina le persone trovate con i documenti non in regola  in piazza Vittorio dagli uomini della task force della Polizia locale di Roma Capitale, impegnati da questa mattina nel controllo di tutta l’area del Tridente e delle aree sensibili a forme di degrado nel I municipio. Le persone di varia nazionalità, fermate mentre bivaccavano nell’area dei giardini o sotto i portici della piazza, sono state accompagnate negli uffici comunali per procedere con la loro identificazione. Obiettivo dei controlli, che hanno coinvolto diversi reparti specializzati della Polizia di Roma Capitale, il contrasto di ogni forma di degrado, di commercio abusivo e della sosta irregolare. A questo scopo, in piazza Vittorio è entrato in funzione anche lo ‘Street control’.

DI MAGGIO: “IL BLITZ SEGNA L’AVVIO DI VASTA OPERAZIONE ANTIDEGRADO”

“L’operazione è stata disposta dall’Amministrazione comunale che vuole incrementare tutta l’attività di controllo dell’area del Centro storico, soprattutto per gli aspetti del degrado urbano. Ci muoveremo in tutta l’aria del Tridente, nella zona di piazza Vittorio e nelle zone di San Pietro. L’operazione andrà avanti tutti giorni, mattina e pomeriggio”. A dirlo il comandante generale della Polizia di Roma Capitale, Antonio Di Maggio, che ha raggiunto gli uomini del Corpo impegnati nel controllo dell’area di Trinità dei Monti e piazza di Spagna. Gli uomini della Polizia locale stanno intervenendo in diverse zone della città per contrastare fenomeni di degrado, abusivismo commerciale e soste irregolari.

27 Marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»