Roma, violenze e riti voodoo: liberate ragazze nigeriane costrette a prostituirsi

ROMA – Nove mesi di complesse indagini, appostamenti e strumenti tecnici, hanno condotto la Polizia locale di Roma Capitale a fare irruzione questa mattina, su disposizione della Procura della Repubblica di Roma, in un appartamento in zona Borghesiana al fine di acquisire il materiale probatorio su un’organizzazione nigeriana dedita allo sfruttamento della prostituzione.

L’operazione, tuttora in corso, ha alzato un velo sull’inquietante storia delle ragazze su strada (considerate parti offese), che, come emerso dalle indagini, venivano vendute, alcune delle quali minori, dalle stesse famiglie od offerte come risarcimento per debiti non pagati in patria, all’organizzazione criminale. Sul territorio italiano la gestione delle ragazze era affidata a maitresse, che ne curavano contabilità e controllo, mentre agli affiliati di sesso maschile, erano affidati i compiti punitivi in caso di inadempienze.

In collaborazione con gli operatori del programma ‘Roxane’, che si occupa di protezione alle vittime della tratta, questa mattina i caschi bianchi, coordinati dal vicecomandante del Corpo, Lorenzo Botta, hanno provveduto a rendere finalmente libere le ragazze, sequestrando i libri contabili della banda e la somma di 8.000 euro in contanti. Le ragazze, che per non dare nell’occhio venivano fatte prostituire nel frusinate, oltre alle violenze fisiche, subivano intimidazioni e minacce di riti voodoo, che ha reso necessario il supporto psicologico nella successiva fase di assistenza alle stesse.

14 Marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»