hamburger menu

In Vda al via campagna social contro violenza donne

Iniziativa Consulta Pari opportunita' con infografiche su dati, servizi e conversazioni

Pubblicato:26-11-2023 13:33
Ultimo aggiornamento:26-11-2023 13:33
Canale: Articoli
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

(DIRE – Notiziario Sanità e Politiche sociali) Aosta, 26 nov. – La Consulta regionale per le Pari opportunità sbarca su Facebook e su Instagram e, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, ha lanciato una campagna social. Riprendendo l’hashtag #NoExcuse, lanciato dalle Nazioni unite per la sua campagna contro la violenza sulle donne, saranno presentati, attraverso una serie di infografiche, i dati della violenza in Valle d’Aosta e in Italia, i servizi attivi sul territorio, le conversazioni spesso sottovalutate. “La Consulta ha posto il monitoraggio e il contrasto della violenza di genere tra le priorità di lavoro del proprio mandato”, si legge in una nota. Tra gli obiettivi, “vi è quello di tenere alta l’attenzione sul fenomeno, presentando numeri e diffusione, perché è necessario partire dalla consapevolezza che la violenza esiste, che non è da sottovalutare né da banalizzare”. Altro elemento della campagna è quello di promuovere la conoscenza dei servizi a supporto delle donne sul territorio: attraverso un’informazione sempre più capillare, le donne vittime di violenza saranno sempre più in grado di richiedere aiuto. I principali destinatari dell’iniziativa sono i giovani. Secondo i dati del Centro antiviolenza sono infatti a rischio le minorenni e già alcune si sono rivolte al Centro negli ultimi due anni. Per la Consulta, “è necessario dunque porre un’attenzione particolare”. Nel dettaglio, vengono riprodotte conversazioni attraverso i social, spesso sottovalutate, ma che indicano situazioni di controllo e prevaricazione, di gelosia e possesso. Vengono poi messi in luce dialoghi su whatsapp spesso disfunzionali che prima di tutto devono essere riconosciuti e impediti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-11-26T13:33:35+01:00