Politica

Ilva, scontro Calenda- Boccia: “Tu e Emiliano la usate per ingraziarvi i 5 stelle”

ROMA – Mentre si attende il verdetto sulla formazione del nuovo governo sì o no, si continua a parlare dell’Ilva di Taranto, dopo il brusco stop delle trattative al Mise tra Am Investco, la società di Arcelor Mittal che ha vinto la gara di aggiudicazione quasi un anno fa, e i sindacati., che annunciano giornate di sciopero.

Sul tema nei giorni scorsi è andato in scena un acceso scontro tra Carlo Calenda, ministro uscente allo Sviluppo economico e il dem Francesco Boccia, d’accordo con il governatore della Puglia Michele Emiliano nel chiedere conto della scelta della ‘cordata’ di imprenditori.

CALENDA: NEI PAESI SERI SI FA GARA, NON COZZE PELOSE

Lo scontro, che si è consumato a colpi di Tweet tra sabato e domenica, è cominciato con un tweet del ministro uscente dello Sviluppo economico che si rivolge a Boccia con queste parole: “‘Sono mesi che chiedo a Calenda perchè è stata scelta una cordata’ dice Francesco Boccia. Perchè è stata fatta una gara come dovresti sapere e come si fa nei Paesi seri. Cosa diversa da pretese feudali, ‘cozze pelose’ e affini“.

BOCCIA: NE PARLEREMO COL TUO SUCCESSORE

A stretto giro è arrivata la risposta di Francesco Boccia: “Anche se mangiamo cozze e polpi e non viviamo in via Condotti abbiamo comunque imparato a leggere e scrivere. La risposta va bene per i creduloni. Della tua idea di ‘gara’ e delle scelte politiche ne parleremo nel Pd e col tuo successore in Parlamento”.

CALENDA: UN PARTITO SERIO VI AVREBBE MESSO ALLA PORTA

Quindi la replica piccata di Calenda: “La gara si è svolta sulla base di una legge che hai votato. La risposta va bene per chi crede nella legalità verso l’arbitrio dei capataz locali. La verità è che tu e Michele Emiliano usate Ilva per ingraziarvi i 5S. Un partito serio vi avrebbe accompagnato alla porta da anni“.

LEGGI ANCHE

Ilva, Calenda: “30.000 posti su bonifiche sono fesseria sesquipedale”

Ilva, Emiliano: “In caso di sciopero la Regione Puglia parteciperà”

Ti potrebbe interessare anche:

16 maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»