Ilva, Emiliano: “In caso di sciopero la Regione Puglia parteciperà”

"La Regione Puglia sarà al fianco dei lavoratori per impedire i licenziamenti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In caso di sciopero Ilva la Regione Puglia parteciperà assieme a tutti i lavoratori ed ai loro sindacati. La Regione Puglia è al fianco dei cittadini della provincia di Taranto e dei lavoratori dell’Ilva perché siano garantiti in via prioritaria la salute delle persone e i posti di lavoro degli operai. In caso di proclamazione dello sciopero la Regione Puglia sarà al fianco dei lavoratori per impedire i licenziamenti e per garantire la ristrutturazione della fabbrica in modo da consentire la sua decarbonizzazione”. Lo scrive su facebook Michele Emiliano, presidente regione Puglia.

“A questo proposito- aggiunge- chiedo a Matteo Salvini ed a Luigi Di Maio di essere immediatamente sentito assieme ai tecnici della Regione Puglia per consentire loro la migliore definizione del programma sull’Ilva e comunque al fine di fornire ogni utile informazione. Ove l’attuale governo decidesse, sia pure fuori tempo massimo, di riprendere la trattativa chiediamo di essere convocati al tavolo assieme a tutti i componenti del Tavolo Ilva Regione Puglia”.

LEGGI ANCHE

Ilva, scontro Calenda- Boccia: “Tu e Emiliano la usate per ingraziarvi i 5 stelle”

Ilva, i sindacati bocciano il piano del Mise: si aspetta il nuovo governo

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»