Covid, aumentano i casi: 29.003 nuovi contagi e 822 morti

Le terapie intensive scendono di due unità nelle ultime 24 ore, sono 3.846
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I nuovi casi di coronavirus in Italia nelle ultime 24 ore sono 29.003, sulla base di 232.711 tamponi, 822 i morti. Il totale dei decessi dall’inizio dell’emergenza è di 52.850. Ieri i nuovi contagi nelle 24 ore erano stati 25.853, su 230.007 tamponi, mentre le vittime erano state 722. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Crisanti: “Procedure accelerate rischiose, dati vaccino siano pubblici”

In calo per la prima volta nella seconda ondata le terapie intensive che oggi sono 3.846. Ieri erano 2 in più i pazienti ricoverati in rianimazione, e cioè 3.848. In calo anche i ricoveri ordinari che oggi sono 34.038, ieri erano 34.313. Oggi sono dunque 275 in meno. Questi i dati del ministero della Salute nel bollettino della Protezione civile.

COVID, ARCURI: “I NUMERI CI CONFORTANO”

“La curva dei contagi si sta finalmente raffreddando, se non congelando- ha commentato il commissario per l’emergenza coronavirus Domenico Arcuri-. “Per la prima volta dopo tanto tempo il numero delle terapie intensive cala, è un segno di speranza grazie alle misure intraprese. I dati si vanno consolidando e i numeri ci confortano sulle scelte fatte”. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Arcuri: “Abbiamo un piano per i vaccini, la campagna durerà nove mesi”

“Il nemico è ancora forte come nella prima ondata ma non è più sconosciuto. Ora ci sono le possibilità almeno di contenerlo, non siamo in grado ancora di sconfiggerlo. Per quello servirà un vaccino” ha rassicurato Arcuri, ricordando poi che “nel mondo ci sono quasi 60 milioni di contagiati, negli Usa è contagiato un abitante ogni 26, in Europa uno ogni 41”.

ARCURI: “10 MLN DI DOWNLOAD PER IMMUNI, ANCORA NON HA SORTITO EFFETTI”

Sui dubbi riguardo l’utilizzo dell’applicazione ‘Immuni’, il commissario spiega: “Dieci milioni di persone hanno effettuato il download dell’app ma per ora non ha sortito gli effetti sul ‘discovery’ dei contagiati che ci si poteva aspettare. Prima di comprendere le ragioni del fenomeno vorrei capire perché ci sono così pochi casi scoperti rispetto ai download. È uno strumento importante, c’è bisogno di mutua collaborazione tra app e colui che la scarica. Forse il nostro messaggio non è stato sufficientemente potente”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Arcuri: “In Italia impegno per contrasto che non ha pari nel mondo”

ARCURI: “APERTURA DELLE SCUOLE? NE DISCUTEREMO NELLE PROSSIME SETTIMANE”

“Il miglior regalo di Natale sarà tenere alta la guardia, mantenere lo stesso senso di responsabilità e metterci in condizione di attendere con minore ansia e preoccupazione una curva dei contagi accettabilmente gestita e l’inizio della campagna di vaccinazione di massa” spiega Arcuri. Riguardo alla riapertura degli Istituti scolastici il commissario dichiara: “Le scuole chiuse per noi sono sinonimo di dolore. Oggi prendiamo atto che le misure stanno portando i risultati auspicati, nelle prossime settimane ci sarà tempo di discutere“.

ARCURI: “SI LAVORA SU DUE FRONTI PER I VACCINI”

Per quanto riguarda il vaccino, il commissario per l’emergenza spiega che stanno “lavorando a due modelli per la somministrazione e conservazione dei vaccini. Uno ‘freeze’ per il vaccino Pfizer e l’altro ‘cold’ per gli altri vaccini con caratteristiche differenti”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»