fbpx

Tg Agricoltura, edizione del 21 settembre 2019

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FRUTTA ANTICA E ZAFFERANO, I SAPORI DI UN TEMPO RISCOPERTI IN UN MOLINO DI CORI

Quattro anni di vita e già diversi obiettivi centrati grazie a una attenta ricerca di qualità e sostenibilità, e la voglia di ritrovare, valorizzare e diffondere i sapori del proprio territorio. Il Molino 7cento, a Cori, si è recentemente distinto per il proprio olio extravergine da oliva itrana, che è stato inserito nella guida Flos Olei 2019 al 15esimo posto al mondo. Ma sono molti i prodotti ai quali si dedica questa azienda/agriturismo tra uve autoctone, ortaggi biologici e frutta antica.

TUBBO, SOSPIRO E FOJETTA, LE VECCHIE MISURE DA OSTERIA DIVENTANO VINI DOC

Dal tubbo al sospiro, al fojetta: le unità di misura da osteria che Papa Sisto V introdusse nel ‘500 per controllare le vendite del vino, danno i nomi alle bottiglie della cantina Gaffino che, ai piedi dei Castelli Romani, dedica i propri 28 ettari di terreni alla coltura di vitigni autoctoni e stranieri. Il primo nato dell’azienda, trasformata da Gabriele Gaffino da produttrice d’uva a cantina nel 2014, è un  cabernet sauvignon, e il suo nome, il “Buon Bastardo, è un’eccezione.

LA SERRA HIGH TECH A TERRACINA DOVE NASCE IL LUPPOLO DEL FUTURO

In una piccola serra tra Fondi e Terracina si sta contribuendo a scrivere il futuro dell’agricoltura tecnologica. Qui la startup del 37enne Alessio Saccoccio, Idroluppolo, sta sperimentando la produzione di luppolo idroponico con risultati senza precedenti: 100 piante cresciute in altezza, in un quarto dello spazio solitamente necessario, con un risparmio del 50% di acqua. Ma la vera scommessa è riuscire a conferire al luppolo un determinato aroma a seconda delle richieste del committente modulando la soluzione di nutrienti che si somministra alla pianta. 

EMOZIONI E STRATEGIE, AGROALIMENTARE LAZIO È ‘FABBRICA REPUTAZIONE’

Mettere in campo (e condividere) le strategie migliori, puntare sulla qualita’ ma anche sulle emozioni, investire sul territorio per farlo amare nel mondo. In una parola: lavorare sulla reputazione. Regione Lazio, Arsial e Agro Camera hanno promosso questa settimana al Wegil di Roma, l’incontro ‘La fabbrica della reputazione’, un momento di scambio tra i diversi produttori, non solo laziali, per mettere a punto una strategia di crescita.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

21 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»