fbpx

Tg Agricoltura del 26 settembre 2020

FICHI E SYRAH TRA I SEGRETI DEL BUON VINO DELLA SABINA

Quasi 40 anni fa l’intuizione di acquisire terreni nella bassa Sabina per piantare viti, poi nel 2003 la fondazione di una cantina col sogno di restituire al territorio, già celebre per l’olio, il prestigio d’essere patria di grandi vini. E’ questa la storia della Tenuta Santa Lucia, creata a Poggio Mirteto dalla famiglia Colantuono.

IL FRASCATI DOC A GUARDIA DEL VERDE AI MARGINI DI ROMA

Produttori di vino di qualità e guardiani di un territorio costantemente minacciato dall’erosione urbana con una roccaforte verde di 12 ettari di vigne biologiche alle porte di Roma. Un doppio ruolo che la famiglia Rotelli interpreta dagli anni ’90, ossia da quando ha fondato la cantina Casale Mattia.

I BIANCHI D’ANNATA CHE SFATANO UN MITO A GROTTAFERRATA

Un’impresa modello per la ricerca della particolarità, l’attenzione alla tecnica, la cura del dettaglio. Con un obiettivo, lo stesso da sempre: dimostrare la capacità del territorio dei Castelli Romani di produrre grandi vini. La storia dell’azienda Castel De Paolis inizia negli anni ’60 e neanche 20 anni dopo vede la sua svolta.

IL LAZIO AL FRUIT LOGISTICA 2021

Torna a Berlino il Fruit Logistica, la più importante rassegna su scala mondiale, dedicata al settore ortofrutticolo che nelle passate edizioni ha registrato oltre 3.200 espositori provenienti da 84 paesi con 72.000 visitatori da 130 paesi diversi. E dove il Lazio, da anni, si garantisce una importante vetrina con il suo spazio animato da eventi, incontri e cooking show. La fiera si terrà dal 3 al 5 febbraio prossimi. La Regione Lazio, attraverso Arsial, ha aperto alle manifestazioni d’interesse da parte delle aziende del territorio che vogliono partecipare. Queste dovranno inviare la modulistica entro il 30 settembre.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

26 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»