Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Carfagna: “Partito unico di centrodestra? Difficile convivere con le idee di Pillon”

La ministra del Sud chiude a ipotesi di federazione o partito unico con gli alleati: "Ci sono differenze che non si possono cancellare dalla mattina alla sera". E dice no anche a Conte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Mi sono mostrata scettica di fronte a una ipotesi di federazione e di partito unico per due ragioni. I liberali nel centrodestra hanno una straordinaria opportunità e cioè di presentarsi agli italiani come una forza di stabilità. Penso che l’Italia del dopo Covid non chieda estremismi, sovranismi e slogan ma chieda protezione e continuità nell’opera di ricostruzione. I liberali non devono scolorire la loro identità”. Lo dice Mara Carfagna, ministro per il Sud e la coesione territoriale, a SkyTg24. “Il secondo motivo – prosegue – per il quale sono scettica è più politico. Faccio fatica a immaginare me stessa a convivere con le posizioni di Pillon sulla famiglia. Faccio fatica a immaginare di fare il tifo per la Le Pen. Faccio fatica a immaginare di spendere soldi su una misura come Quota 100 che ha penalizzato precari, donne e Mezzogiorno“.

LEGGI ANCHE: Partito unico centrodestra? Berlusconi prova a non far sparire FI, nel Pd è guerra primarie

CHIUSURA AL PARTITO UNICO E A CONTE

Insomma, continua Carfagna, “ci sono differenze che non si possono cancellare dalla mattina alla sera con una stretta di mano. Un conto è un’alleanza e un conto è una federazione o un partito unico che non ho capito ancora cosa vuol dire”. Discorso simile per l’apertura di Giuseppe Conte all’elettorato moderato: “Faccio fatica a immaginarlo come alleato. Con il cambio di governo c’è stato un cambio di passo evidente. Siamo stati tra i primi Paesi in Ue a presentare il Pnrr ed è stato impressa un’accelerazione importante alla campagna vaccinale. L’importante è fare il nostro lavoro, farlo bene e rispondere alle domande e alla preoccupazione dei cittadini. Il resto fa parte del dibattito politico”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»