hamburger menu

Anche Mara Carfagna lascia Forza Italia: “Irresponsabili”. Berlusconi resta senza ministri

Dopo venti anni di militanza la ministra del Sud dice addio al partito di Silvio Berlusconi. E ora guarda al centro

27-07-2022 11:57
mara carfagna
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Anche Mara Carfagna dice addio a Forza Italia. Dopo Renato Brunetta e Mariastella Gelmini, anche la terza ministra azzurra del governo Draghi saluta il vecchio partito. Finiscono così venti anni di militanza in Fi. Far cadere il governo Draghi è stata “una scelta irresponsabile”, dice Carfagna in un’intervista a Repubblica: l’Italia non merita “un salto nel buio”, aggiunge la ministra per il Sud.    

LEGGI ANCHE: Brunetta: “Da Berlusconi e il suo ambiente invettive personali. Mi dicono ‘tappo’ o ‘nano’, ci soffro ancora”

Per lei, come per i colleghi ministri, si apre ora un dialogo con la grande area di centro che si sta riorganizzando attorno a Carlo Calenda. Il dialogo tra Gelmini e Azione, sulla base dell’agenda Draghi, è già avviato, Carfagna che ne pensa? “Credo che l’esperienza del governo di salvezza nazionale, una esperienza davvero patriottica fondata su una visione concreta dei problemi e degli impegni internazionali dell’Italia, meriti un secondo tempo”.  

LEGGI ANCHE: Salvini attacca Gelmini: “Non rispetta gli elettori”. La replica: “L’unico tradimento è il tuo”

Intanto, Forza Italia continua a perdere pezzi: dopo gli addii dei ministri e quello del senatore Cangini, a lasciare il partito sono le deputate Annalisa Baroni e Giusy Versace. Per Antonio Tajani, coordinatore di Fi, “quelli che hanno lasciato il partito non hanno mai avuto grande fortuna. Sono usciti personaggi, anche gruppi interi e sono tutti scomparsi politicamente”. Il governatore della Liguria Giovanni Toti, uscito da Forza Italia tre anni fa, replica: “Si rischia un’emorragia pericolosa che non si risolve con le battute, con gli insulti”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-07-27T11:57:07+02:00