Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ucciso in Afghanistan Danish Siddiqui, fotoreporter indiano di Reuters che vinse il Pulitzer nel 2018

Danish Siddiqui foto da Instagram
Il fotografo è stato colpito durante i combattimenti tra i talebani e le forze afghane lungo il confine meridionale col Pakistan
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È stato ucciso durante combattimenti tra forze speciali dell’Afghanistan e talebani Danish Siddiqui, fotoreporter indiano dell’agenzia di stampa Reuters, nel Paese per documentare gli scontri armati in corso. Siddiqui dirigeva il team multimediale di Reuters in India ed era divenuto celebre per essersi aggiudicato il Premio Pulitzer nel 2018, per uno scatto che raccontava la crisi dei profughi rohingya.

Stiamo cercando di raccogliere più informazioni possibile, in contatto con le autorità della regione”, hanno dichiarato in una nota il presidente di Reuters Michael Friedenberg e la direttrice Alessandra Galloni. “Danish era un giornalista eccezionale, un marito e padre devoto e un collega molto amato. I nostri pensieri vanno alla sua famiglia in questo momento terribile” hanno concluso i dirigenti.

Gli scatti di Siddiqui erano stati pubblicati più volte su testate internazionali come il Guardian, il New York Times, il Washington Post e Al Jazeera. Negli ultimi tempi si era concentrato nel raccontare l’impatto della pandemia di Covid-19 in India, in particolare gli effetti della seconda ondata: hanno fatto il giro del mondo le immagini scattate col drone sulle pire di cadaveri date alle fiamme.

“Una foto dovrebbe trasportare la gente e riuscire a raccontargli tutta la storia senza risultare pesante” aveva detto Siddiqui alla testata Scroll.in commentando la vittoria del Pulitzer, tre anni fa. L’immagine premiata ritrae una donna rohingya accovacciata mentre tocca la riva, dopo aver attraversato il confine tra Myanmar e Bangladesh. In quello scatto, aveva raccontato il fotoreporter, “si può vedere il senso di impotenza e stanchezza della donna, insieme alla seconda scena sullo sfondo (una piccola imbarcazione di profughi da cui si solleva una nuvola di fumo, ndr). Era questo il tipo di immagine che volevo mostrare al mondo”.

Siddiqui è stato colpito mentre erano in corso combattimenti tra i talebani e le forze afghane lungo il confine meridionale col Pakistan. Dall’uscita dei militari americani dal Paese, l’Afghanistan sta soffrendo una nuova escalation di violenze. I talebani hanno preso il controllo di vasti territori e a inizio settimana hanno conquistato il passaggio di frontiera col Pakistan, costringendo il governo di Islamabad a chiudere le frontiere.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»