Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Speranza: “Scaricati venti milioni di green pass in tre giorni”

primo giorno green pass a Bologna
Prolifera il commercio online di falsi certificati: gli investigatori della Polizia Postale stanno effettuando perquisizioni e sequestri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Chiara Organtini e Nicolò Rubeis

ROMA – “Venti milioni di green pass scaricati negli ultimi tre giorni. È un numero straordinario che dimostra la sensibilità e la partecipazione dei cittadini del nostro Paese alla lotta contro il Covid”. Lo afferma Roberto Speranza, ministro della Salute, in un post su Facebook.

FALSI IN VENDITA SU TELEGRAM, PERQUISIZIONI E SEQUESTRI

Offrivano illegamente dei Green Pass falsi, servendosi di diversi canali Telegram specializzati nello ‘spaccio’ di finte certificazioni verdi. Adesso, quattro soggetti, tra i quali due minori, sono stati identificati, perquisiti e indagati per i reati di truffa e falso. Un’operazione, quella della Polizia Postale, messa in piedi dai dipartimenti di Milano e Bari, con il coordinamento della Procura meneghina, di quella della Capitale e del Tribunale dei minori barese.

Erano migliaia gli utenti iscritti ai canali dove veniva proposta, con garanzia assoluta di anonimato, la vendita dei Pass falsi, da pagare in criptovaluta o buoni acquisto di piattaforme per lo shopping on-line. Il tutto per ‘modiche’ cifre, che oscillavano tra i 150 e i 500 euro.

I canali Telegram sequestrati sono in totale 32. Ora l’attività degli inquirenti è rivolta all’identificazione degli amministratori e degli eventuali acquirenti.

LEGGI ANCHE: Green pass obbligatorio a Bologna. I ristoratori avvertono: “Non si legge? Non entri”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»