La Lega presenta in Senato la mozione di sfiducia a Conte: “Troppi no”

"Chi perde tempo danneggia il Paese e pensa solo alla poltrona"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Lega presenta in Senato la mozione di sfiducia al premier Giuseppe Conte. “Troppi no (da ultimo il clamoroso e incredibile no alla Tav) fanno male all’Italia che invece ha bisogno di tornare a crescere e quindi di andare a votare in fretta. Chi perde tempo danneggia il Paese e pensa solo alla poltrona”, spiega una nota della Lega.

IL TESTO DELLA SFIDUCIA: PREMIER NON PRESENTE SU MOZIONE TAV

“Il Senato, premesso che: l’esame in aula delle mozioni riguardanti la Tav ha sugellato una situazione di forti differenze di vedute, tra le due forze di maggioranza, su un tema fondamentale per la crescita del paese come lo sviluppo delle infrastrutture; tenuto conto che: il Presidente del Consiglio non era presente in aula, nel momento delle votazioni sulle citate mozioni, per ribadire l’indirizzo favorevole alla realizzazione dell’opera che egli stesso aveva dichiarato pochi giorni prima nell’altro ramo del Parlamento e si è verificata la situazione paradossale che ha visto due membri del governo presenti esprimere due pareri contrastanti; preso atto che: le stesse divergenze si sono registrate su altri temi prioritari dell’agenda di governo quali la giustizia, l’autonomia e le misure della prossima manovra economica; visto l’articolo 94 della Costituzione e visto l’articolo 161 del Regolamento del Senato della Repubblica, esprime la propria sfiducia al Governo presieduto dal Prof. Giuseppe Conte”. Questo il testo della mozione di sfiducia al premier da parte della Lega. La mozione e’ stata appena presentata a prima firma del capogruppo leghista Massimiliano Romeo.

LEGGI ANCHE

Conte risponde a Salvini: “Venga in parlamento, spieghi agli italiani perché vuole la crisi”

Governo sì, governo no: ‘la guerra dei culi’

Governo, Salvini apre la crisi: “La maggioranza non c’è più, andiamo al voto”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»