Governo sì, governo no: ‘la guerra dei culi’

Il leader della Lega vuole che i parlamentari si riuniscano la settimana prossima, il M5s chiede spiegazioni sul Russiagate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Fino a ieri tutti erano pronti a votare subito. Ora hanno tutti paura. Uno ha detto che non si puo’ riunire il parlamento settimana prossima perche’ e’ ferragosto. Ebbene i parlamentari alzano il culo e vengono in parlamento se serve anche la settimana prossima, perche’ milioni di italiani lavorano anche settimana prossima. E chi non viene lo fa perche’ vuole tenersi la poltrona. I parlamentari della Lega sono pronti ad arrivare in aula lunedi’ prossimo. Lunedi’ ci siamo”. Lo dice Matteo Salvini nel corso di un comizio ieri sera a Pescara, dopo aver ufficialmente aperto la crisi di governo nel pomeriggio, chiedendo al premier Giuseppe Conte di andare al voto.

SALVINI: ITALIA HA BISOGNO DI SI’, NON E’ IL TEMPO DI SIGNOR NO

“E’ un momento cosi’: di litigi. Io porto pazienza. Ho la passione della pesca, mio nonno mi ha insegnato a portare pazienza. Ma l’Italia in questo momento ha bisogno di coraggio, energia, idee chiare e si’. L’Italia ha bisogno di tanti si’. Non e’ il tempo dei signor no”. 

SALVINI: CHIEDIAMO LA FORZA DI PRENDERE IN MANO PAESE

“Noi guardiamo avanti e chiediamo agli italiani la forza di prendere in mano questo Paese e salvarlo, riportarlo dove i nostri nonni lo avevano lasciato”. 

SALVINI: NON HO NOSTALGIA DEL PASSATO, NON TORNO AL VECCHIO

“Di cose ne abbiamo fatte tante, son contento delle cose fatte. Mi spiace solo per l’ultimo periodo”, dice Matteo Salvini, nel corso di un comizio a Pescara, facendo un ideale bilancio dell’esperienza di governo. “Fino a che si e’ lavorato per i si’, si e’ lavorato bene. Poi da qualche mese sono cominciati i no. Ora va bene un no, vanno bene due tre no, ma io non mi tengo la poltrona stretta per tenere fermo il paese. Piuttosto diamo la parola agli italiani. Non ho nostalgia del passato, non mi interessa tornare al vecchio. Piuttosto se devo mettermi in gioco lo faccio tranquillo e da solo a testa alta. Non ho paura. Se uno e’ forte delle sue idee non ha paura. Poi potremo scegliere dei compagni di viaggio. Ma non ho nostalgia del passato”, aggiunge Salvini.

M5S CONTRO SALVINI SU RUSSIAGATE: ALZI IL CULO E VENGA A SPIEGARE

I Cinque Stelle rispondono all’attacco di Matteo Salvini, sfidandolo a riferire sul caso Russiagate. Per bocca del presidente della commissione Sanita’ del Senato Pierpaolo Sileri gli chiedono “di alzare il culo e di venire a spiegare” gli estremi dell’inchiesta che coinvolge Gianluca Savoini. “Ma quindi in Russia questo signore c’era o non c’era? Visto che Salvini si sostituisce spesso ad altre cariche mutuando personalità diverse e quindi parlando a volte da Presidente della Repubblica, da Presidente del Consiglio, da Ministro della Sanità, Giustizia, Ambiente etc etc…almeno una volta lo faccia da Senatore, dai banchi del Senato. Alzi lui il ‘c..o’ come i 900 che convoca in parlamento e venga a spiegarci dettagliatamente il razionale della crisi e magari anche in soli 5 minuti qualcosa sulla Russia con semplicità e parole comprensibili ai più. Qualunque giorno e’ utile. Dimenticavo, anche in antimafia stanno ancora aspettando, da mesi”, aggiunge Sileri.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»