hamburger menu

Libano, Panarese (Unifil): “Le telecomunicazioni hanno un valore strategico, tattico e operativo”

Il tenente colonnello Erman Panarese spiega alla Dire il ruolo del sistema di telecomunicazioni

09/05/2022
libano panarese telecomunicazioni

Dalla nostra inviata Silvia Mari

ROMA – “Noi con sistemi di supervisione monitoriamo da remoto, evidenziamo criticità e possiamo intervenire in loco”. Il tenente colonnello Erman Panarese, in Italia Comandante di Battaglione dell’11° Reggimento Trasmissioni Civitavecchia, e per la missione Unifil Sector West comandante della Support Unit, spiega alla Dire quali e quanto tempestive siano le procedure di emergenza che si attivano in caso di malfunzionamento o anomalia con il sistema di telecomunicazioni. Sistema che ha un valore “strategico, tattico e operativo“, sottolinea, ed è quel che garantisce al Comandante della missione, generale Massimiliano Stecca, “di esercitare il comando e il controllo” come è nelle sue funzioni, precisa Panarese.

LEGGI ANCHE: Libano, Colonnello Dursi (Unifil): “Noi militari esperti di logistica”

CINQUE REQUISITI DEL SISTEMA DI TELECOMUNICAZIONI

Il sistema, raffigurato in una rete sempre presente sui monitor dell’unità, garantisce il passaggio delle informazioni nella base, fuori sul campo e verso l’Italia, ha un valore strategico e una necessità di sicurezza: “Senza telecomunicazioni si può essere leader, ma non un comandante“, chiosa l’ufficiale. Un sistema di telecomunicazioni come quello in Unifil “deve garantire almeno cinque requisiti- chiarisce il comandante- essere capace, tempestivo, autonomo, pronto e infine sicuro”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-10T13:24:04+02:00