hamburger menu

Giubileo, Ciucci (Acer): “Sfida enorme, ma Roma può essere un modello”

Il presidente dei costruttori capitolini: "Dobbiamo ricostruire il Paese e il suo tessuto industriale. La Capitale ha bisogno di risorse e norme commisurate al suo ruolo"

Pubblicato:02-02-2024 16:43
Ultimo aggiornamento:02-02-2024 16:43
Canale: Lazio
Autore:
antonio-ciucci-acer
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – “Siamo costruttori, ma lo sono anche i nostri operai, i nostri tecnici. La sfida che abbiamo è enorme: veniamo da 12 anni di crisi del settore, poi abbiamo avuto il Superbonus e ora il Giubileo, ma le ferite di quegli anni le portiamo con noi. Ora la sfida è doppia, ricostruire il Paese e il suo tessuto industriale, e questo si fa con le regole”. Lo ha detto il presidente di Ance Roma – Acer, Antonio Ciucci, intervenendo all’evento organizzato dalla Fillea Cgil Roma e Lazio ‘Roma si prepara, al lavoro per la Capitale’, tenutosi a Villa Altieri alla presenza, tra gli altri, del sindaco di Roma, Roberto Gualtieri, della vicepresidente della Regione Lazio, Roberta Angelilli, del prefetto di Roma, Lamberto Giannini e del segretario generale della Cgil, Maurizio Landini.

“Quando fu firmato il protocollo di novembre, dissi che c’era bisogno di una declinazione differente per le opere giubilari e che bisognava creare un vestito anche per le piccole imprese e il loro carico burocratico, e ho trovato disponibilità da Comune e Prefettura- ha ricordato Ciucci– Abbiamo fatto anche di più: le procedure negoziate, l’offerta economica, la centralità del contratto che nel Codice non è stata recepita abbastanza bene. Noi sulla qualità, la sicurezza e la legalità ci siamo, assolutamente; per fare questo servono risorse, puntare sulla digitalizzazione oltre che sulle risorse umane di qualità con strumenti tecnologici per incrociare i dati e controllare i nostri cantieri pubblici, per poi arrivare a quelli privati”.

Secondo il numero uno dei costruttori romani “dobbiamo fare un lavoro per ridare al nostro settore la dignità che avevamo: è un percorso lungo e riguarda tante questioni, lo dico rivolgendomi al prefetto, come per esempio sull’illecito professionale. L’auspicio è che questo protocollo sia un primo passo verso quei principi e possa essere un modello per fare presto e meglio, e il fatto che questo modello possa essere Roma rende tutti orgogliosi”.

“Noi ci siamo per questo patto per lo sviluppo di Roma: la città ha bisogno non di risorse ogni 25 anni, ma di risorse e un quadro normativo commisurati al suo ruolo di Capitale. Su questo si può lavorare senza dover aspettare il prossimo Giubileo. Ora- ha concluso Ciucci– ci aspettiamo un 2023 in crescita, un 2024 in calo e poi bisognerà vedere cosa accadrà dopo il Pnrr, ma a Roma ci sono tanti temi, dalla rigenerazione alla casa, che speriamo di affrontare con gli stessi principi, affrontando magari anche il tema dei costi del lavoro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2024-02-02T16:43:11+01:00

Ti potrebbe interessare: