Formula E, Raggi: “Grazie a Roma per questo clamoroso successo”

ROMA – “Ce l’abbiamo fatta. Siamo entusiasti del successo clamoroso del primo E-Prix d’Italia che ha visto Roma e l’Italia al centro del mondo con oltre 30mila presenze tra appassionati, cittadini, turisti, imprenditori e milioni di spettatori in tutto il mondo”. Lo dichiara la sindaca di Roma Virginia Raggi, che aggiunge: “I bolidi elettrici, sfrecciando per le architetture dell’Eur, hanno stregato tutti, portando all’attenzione globale quei concetti di innovazione e sostenibilità che sono punto di forza e premessa per un futuro ‘spettacolare’ rispettoso dell’ambiente”.

E, continua Raggia, “se siamo riusciti a dimostrare che Roma è una grande Capitale all’altezza di opportunità irrinunciabili come la Formula E, che garantiscono un indotto economico e lasciano un’eredità alla città, è soprattutto grazie alla sinergia che si è creata tra cittadini, Amministrazione capitolina, Istituzioni e tutte le forze che hanno collaborato a questo grande evento sportivo”.

“I ringraziamenti sono tanti perché ognuno ha contribuito, con impegno, passione, professionalità e anche pazienza, a ottenere un risultato straordinario come quello che abbiamo raggiunto ieri. Tutto- sottolinea la sindaca- ha funzionato alla perfezione e siamo orgogliosi di aver presentato al mondo una città capace di garantire ordine, sicurezza, decoro e uno spettacolo indescrivibile che vogliamo replicare per i prossimi cinque anni”.

“Voglio ringraziare i cittadini e in particolare i residenti dell’Eur, tutta l’Amministrazione capitolina, la Polizia Locale, la Protezione Civile, Atac e Ama, un vincente lavoro di squadra di cui siamo fieri. Il mio grazie va anche agli organizzatori e agli sponsor perché hanno creduto in noi e nella nostra capacità di accogliere un evento di così grande portata. Roma e l’Italia hanno bisogno di questo scatto di orgoglio: andiamo avanti cosi insieme, pronti per nuove sfide”, conclude Raggi.

15 Aprile 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»