Mondo

Ecuador, uccisi i tre ostaggi delle Farc in Colombia

ROMA – Javier, Paul ed Efrain, i tre uomini rapiti il 26 marzo scorso a Esmeraldas, una località non lontana dal confine con la Colombia sono morti. A darne notizia, il presidente dell’Ecuador Lenin Moreno, in conferenza stampa nella capitale Quito.

Dietro al sequestro, i sospetti ricadono su una cellula di guerriglieri colombiani delle Farc che, rifiutandosi di consegnare le armi così come l’Accordo di pace con Bogotà del 2016 prevederebbe, continuerebbero a gestire le proprie attività illecite tra i due paesi. I tre dipendenti del quotidiano ‘El Comercio’ stavano viaggiando in quella zona quando sono stati rapiti.

In un video inviato qualche giorno fa, sono stati costretti a spiegare davanti la telecamera le condizioni del riscatto: la liberazione di altrettanti combattenti Farc, nonché l’interruzione della cooperazione in chiave anti-terroristica tra Bogotà e Quito.

La notizia sarebbe giunta alle autorità ecuadoregne da fonti interne. Subito avvisato, il presidente Moreno ha dovuto lasciare d’urgenza il Summit delle Americhe, in corso a Lima, in Perù, fino a domani.

14 aprile 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»