Niger, salta la missione militare italiana?

Mondo

Niger, salta la missione militare italiana?

ROMA – Il ministro degli Interni del Niger, Mohamed Bazoum, respinge con forza la possibilità di una missione militare dell’Italia in Niger, e nega qualsiasi sollecitazione da parte del suo governo ai suoi omologhi di Roma.

Come spiega ‘Radio France internationale’ (Rfi) in un articolo pubblicato nella tarda serata di ieri, le parole di Bazoum – che lui stesso ha poi confermato tramite il suo account Twitter, citando lo stesso articolo – intendono smentire che il ministro della Difesa nigerino, Kalla Moutari, abbia mai inviato delle lettere al nostro ministro della Difesa Roberta Pinotti per chiedere sostegno militare da parte dell’Italia, così come affermato più volte dal governo di Roma e confermato dalla stampa italiana il 10 marzo scorso.

LEGGI ANCHE: Alfano: “Niger non consultato? Noi rispetteremo la sovranità”

“Pas de question d’une mission italienne au Niger”, ha twittato, citando l’articolo di Rfi, vale a dire “è fuori discussione una missione italiana in Niger“.

“Non abbiamo mai inviato simili messaggi all’Italia- ha detto ancora il ministro dell’Interno stando al quotidiano francofono- questo non corrisponde affatto alla verità”, quindi invita la stampa italiana a “porre fine a ogni polemica”.

Il Parlamento italiano ha approvato a gennaio scorso l’invio di 470 militari nella base settentrionale di Madama, prossima al confine con la Libia. Scopo della missione, il contrasto all’immigrazione illegale e ai gruppi terroristi.

LEGGI ANCHE: La missione italiana in Niger rischia di far precipitare il paese nel caos

Un intervento dunque – è stato spiegato dai ministri della Difesa Roberta Pinotti e degli Esteri Angelino Alfano – non in chiave offensiva, bensì di cooperazione, per supportare l’esercito nigerino nel far fronte alle molteplici sfide della regione del Sahel.

“La sola cosa su cui abbiamo espresso un parere definitivo è la presenza inconciliabile di truppe di stanza qui così come è stato discusso al Parlamento italiano– ha proseguito il ministro-. A parte ciò, è del tutto accettabile che ci siano degli istruttori italiani, membri esperti del personale militare in vari ambiti, al fine di rafforzare le capacità delle nostre forze di difesa e di sicurezza”, ha specificato il ministro Mohamed Bazoum sempre stando ad Rfi.

Secondo l’opposizione nigerina – che dopo l’annuncio dell’operazione italiana ha organizzato anche manifestazioni di protesta il parlamento nigerino non sarebbe stato interpellato per discutere e eventualmente approvare la missione italiana. L’autorizzazione al contrario sarebbe stata data dal presidente Mohammadu Issofou e per questo, è stata definita dalle stesse opposizioni come “incostituzionale”.

13 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»