Mondo

Siria, la Federazione curda all’Europarlamento: “Ue ci aiuti”

BRUXELLES – Dirigenti della Federazione democratica del nord della Siria, a forte componente curda, sono oggi ospiti al Parlamento europeo per una conferenza dal titolo ‘A future for democracy in Siria’. Promotore dell’incontro è l’eurodeputato sloveno Branislav Škripek, del gruppo dei Conservatori e riformisti europei. Secondo i dirigenti della Federazione, la guerra internazionale in Siria procede ormai da molti anni e le tragedie della popolazione civile sembrano senza fine e senza speranza. Accuse al presidente turco Recep Tayyip Erdogan sono stati fatti riguardo all’offensiva militare di Ankara nella regione di Afrin. 

La Federazione vuole porre le basi per un futuro democratico e di pace nella regione siriana

Contrastare l’ideologia del gruppo Stato islamico e ricostruire un futuro di pace e riconciliazione nel nord della Siria sono tra i principali obiettivi dichiarati dell’organismo. Esplicito è l’appello della Federazione nei confronti dell’Ue, alla quale viene chiesto appoggio economico e politico. Gli esponenti dell’organizzazione hanno più volte sottolineato che condividono gli stessi valori dell’Ue e che in base a questi, vogliono ricostruire un nuovo sistema di valori in Medio Oriente.

di Alessio Pisanò, corrispondente da Bruxelles

10 aprile 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»