VIDEO | Nassisi (Thales Alenia Space): “Quando dicevano che avevo ‘gli attributi’…”

Per lo speciale 'Donne al Comando' intervista ad Annamaria Nassisi, manager del marketing strategico in Thales Alenia Space
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La carriera è costata in termini personali. Ho un figlio che è rimasto figlio unico. Ho avuto un grande supporto da mio marito che era docente universitario e poteva gestire meglio i suoi tempi. Lui ha cresciuto mio figlio per i primi anni. Ho pagato con ricordi solo spot di quei primi anni, portandomi il cruccio perché non ero presente alle sue recite e di tutte quelle volte, al ritorno dalle mie trasferte, quando non voleva salutarmi perché era arrabbiato”. A raccontare tutta la verità senza sconti sulla propria carriera di ‘Donna al comando’, intervistata dall’agenzia Dire, è Annamaria Nassisi, manager del marketing strategico in Thales Alenia Space che lavora nel settore spaziale da 30 anni.

LEGGI ANCHE: Spazio e gender gap, la ‘diversity’ fa crescere l’azienda

“Laureata in fisica- ha raccontato- ho iniziato la carriera come ricercatrice e mi occupavo di modelli termodinamici applicati a fenomeni geofisici. Poi ho lavorato in società di software e dall’89 in Thales”. Un mondo al maschile quello dello spazio e- ha ricordato la manager- “ho iniziato in un tempo storico in cui le donne in azienda erano segretarie. Nell’ambito tecnico infatti erano un numero a dir poco esiguo e non soltanto in Italia. Nei primi anni non ho percepito grande differenza o difficoltà se non quella di una bella donna che deve dimostrare il doppio rispetto agli altri. La bellezza infatti incide, ma negativamente. Con i colleghi non ho mai avuto problemi e mi hanno sempre considerato un punto di riferimento. Anche se riconosco che c’era un problema di linguaggio” e così per esprimere attestazione di stima si diceva che ‘avevo gli attributi’“.

Sul rapporto tra potere e genere secondo l’esperienza maturata, Nassisi ha spiegato che “l’approccio al potere è indipendente se sei donna o uomo, ma dipende dal modello e in un mondo come quello in cui ho iniziato- ha ammesso- era maschile. Io sono stata ribelle e quello che ho l’ho raggiunto solo con le mie risorse. Sono sempre stata un capo che ha odiato la gerarchia e ho sempre cercato di essere un leader, più che un capo. Il leader deve essere riconosciuto come tale. Ho sempre avuto un approccio di collaborazione e di ascolto. Per saper gestire devi dimostrare di saperne qualcosa in più”.

Quanto alla conciliazione con la vita privata Nassisi ha ammesso: “Ritornare dopo una maternità non è facile. Mi sono goduto mio figlio fino al nono mese, l’ho allattato al seno e ne sono stata felicissima e nel tornare ho dovuto ricominciare la mia carriera, perché mi è stato rimesso in discussione tutto. Ho conquistato la fiducia del capo che non mi conosceva prima della maternità e rifarei tutto quello che ho fatto perché quando ti guida la passione è più forte. Il lavoro che ho scelto l’ ho scelto per passione“. Non è quindi questione di carriera, non solo. E alle giovani ha consigliato: “Attrezzatevi, non ci sono limiti per una donna. Man mano che si sale nella carriera, questo vale per le donne come per gli uomini, ci sono alti e bassi. Non è una funzione esponenziale ed è fondamentale costruire la propria competenza per essere inattaccabili”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

30 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»