Tg Politico, edizione del 29 novembre 2019

https://www.youtube.com/watch?v=9uOETcuFjbE MES, CONTE NEL MIRINO DEI CINQUE STELLE E DI SALVINI Giuseppe Conte è sotto assedio. Il presidente del Consiglio, che lunedì
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MES, CONTE NEL MIRINO DEI CINQUE STELLE E DI SALVINI

Giuseppe Conte è sotto assedio. Il presidente del Consiglio, che lunedì riferirà alla Camera sul Mes, il Meccanismo europeo di stabilità, deve difendersi dagli attacchi di Matteo Salvini ma anche dal fuoco amico dei Cinque stelle. Alessandro Di Battista torna sulla scena per spronare Di Maio: “Fa bena ad alzare il tiro- dice l’ex deputato- il Mes non va votato”. E nel Pd iniziano a preoccuparsi: “Noi siamo leali- assicura il segretario Nicola Zingaretti- ma gli alleati che intenzioni hanno?”.

DECRETO FISCALE, RESTA IL CARCERE AGLI EVASORI

Resta il carcere a chi evade oltre centomila euro. Il governo ha preparato un emendamento al decreto fiscale che attenua le pene minime per i reati meno gravi, ma mantiene la punibilità dai 4 agli 8 anni per le condotte fraudolente. Tra le novità presentate in commissione finanze, la lotteria degli scontrini slitta da gennaio a luglio, mentre l’8 per mille potra’ essere destinato alla messa in sicurezza, all’adeguamento antisismico e
all’efficientamento energetico delle scuole.

BOOM PRO LOCO, 110 MILA EVENTI e 88 MLN VISITATORI

110mila eventi tra rievocazioni, fiere, mostre, sagre e manifestazioni culturali; 88 milioni di visitatori; introiti complessivi pari a 2,1 miliardi di euro. Sono i dati delle Pro Loco nel 2018, elaborati dall’ufficio studi della Cgia di Mestre e presentati al Senato in un convegno promosso dal senatore Udc Antonio De Poli. Le attività, che si avvalgono del sostegno di 300mila volontari attivi, hanno creato 10.500 posti di lavoro. De Poli ha annunciato una proposta di legge ad hoc per sostenere il settore.

PAPA CONTRO EUTANASIA: IL DIRITTO A MORIRE NON ESISTE”

Il diritto di morire non ha basi giuridiche”. Papa Francesco richiama la lezione di Rosario Livatino, giudice vittima della mafia che ora la Chiesa si prepara a proclamare beato, e critica certe sentenze che in Italia e in tanti ordinamenti democratici, secondo una giurisprudenza che si autodefinisce ‘creativa’, inventano un diritto di morire. “In questo modo- dice il pontefice- affievoliscono gli sforzi per lenire il dolore e non abbandonare a sè stessa la persona che si avvia a concludere la propria esistenza”.

:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»