fbpx

Tg Politico Parlamentare, edizione del 1 settembre 2020

SEGNALI DI RIPRESA SUL LAVORO

Primi segnali positivi sul fronte del lavoro: dopo il lockdown cresce il numero degli occupati censiti dall’Istat, ma cresce anche la disoccupazione. A luglio, dopo quattro mesi di flessione, l’occupazione aumenta nel mese dello 0,4% con un tasso di occupazione che sale al 57,8%. Aumentano le persone in cerca di lavoro, mentre calano gli inattivi con un tasso di disoccupazione al 9,7%. La ministra del Lavoro Nunzia Catalfo parla di segnali positivi e sottolinea che ora servono misure a favore dei giovani. Intanto sul fronte delle crisi aperte, e’ convocato per domani l’incontro sull’Ex Ilva tra azienda e sindacati.

CORONAVIRUS. PAPA: CANCELLARE DEBITO PAESI PIÙ FRAGILI

“Cancellare il debito dei Paesi piu’ fragili” alla luce dei gravi impatti delle crisi sanitarie, sociali ed economiche a seguito del Covid. Lo chiede Papa Francesco nel suo messaggio per la celebrazione della Giornata Mondiale di preghiera per la cura del Creato. Il Pontefice ha affrontato anche il tema del ripristino dell’equilibrio climatico. “E’ di estrema importanza, dal momento che ci troviamo nel mezzo di un’emergenza”, ha ricordato, ammonendo che se non si rispetta l’Accordo di Parigi “sarà una catastrofe”.

IL FRONTE DEL NO SI ALLARGA E SCENDE IN PIAZZA

Il fronte del no al referendum sul taglio dei parlamentari prenota la piazza. Coronavirus permettendo, il 12 settembre a piazza Santi Apostoli dovrebbero ritrovarsi quanti si schierano contro la riduzione di deputati e senatori, nel referendum del 20 e 21 settembre. Un fronte, quello dei contrari, che si allarga. Oggi a Montecitorio hanno dato vita a una piattaforma comune le Sardine, esponenti dei Giovani Democratici, i Radicali Emma Bonino e Riccardo Magi, rappresentanti del Pd come Gianni Cuperlo. Sul tema e’ intervenuto anche il segretario del Nazareno Nicola Zingaretti, per tornare a ribadire le ragioni del si’. Se si perdono le regionali e vince il No al referendum ci saranno riflessi sulla tenuta del governo, avverte il leader democratico.

GENTILONI ALLA POLITICA: E’ L’ORA DEL CORAGGIO

Invita l’Italia a trovare il coraggio di scegliere. E avverte che il Recovery Fund non servira’ a tagliare le tasse. Il commissario europeo agli affari economici Paolo Gentiloni, in audizione a Montecitorio, ha spiegato che il piano nazionale di riforme che porterà nelle casse dell’Italia 209 miliardi non deve essere una raccolta di emergenze ma deve rappresentare il coraggio di guidare la ricostruzione. “O lo facciamo oggi o sarà difficile farlo in un’altra occasione”, ha detto Gentiloni. Il commissario ha ammonito le forze politiche: guai a pensare di usare quei soldi per ridurre le tasse.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

1 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»