Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ilaria Cucchi: “Perdono Luca Morisi nonostante le parole di Salvini su mio fratello Stefano”

ilaria cucchi
La sorella di Stefano Cucchi interviene sul caso dell'ex spin doctor del leader leghista, indagato per cessione di droga: "Mi piace pensare che abbia capito. Però Stefano lo hanno ammazzato"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo la notizia dell’indagine su Luca Morisi per cessione di droga, Ilaria Cucchi prende posizione. La sorella di Stefano Cucchi ha attaccato l’ex spin doctor di Matteo Salvini per le dichiarazioni del leader della Lega sul fratello, morto nel 2009. Per la vicenda due carabinieri sono stati condannati a 13 anni per omicidio preterintenzionale. Dopo la sentenza, Salvini aveva dichiarato: “Rispetto la famiglia Cucchi, ma questo caso dimostra che la droga fa male“. Una frase per la quale Ilaria Cucchi aveva annunciato querela.

LEGGI ANCHE: Luca Morisi indagato, i social non dimenticano il citofono del Pilastro

IL POST DI ILARIA CUCCHI

“Ora so che tutte le durissime prese di posizione di Matteo Salvini contro Stefano Cucchi e la mia famiglia hanno un volto: Luca Morisi, indagato dalla Procura di Verona per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti – scrive Ilaria Cucchi su Instagram – Così almeno leggo sui giornali. Leggo delle sue pubbliche scuse a Salvini ed al partito: ‘Ho delle fragilità irrisolte’. Così si giustifica. Quanta gratuita sofferenza ci ha inflitto oltre al dolore per Stefano. Eppure io lo perdono – prosegue la sorella di Stefano Cucchi – Lo perdono perché mi piace pensare che abbia capito e che ora condivida la disperazione che portiamo sulle spalle. Lo perdono. Sì. Però Stefano lo hanno ammazzato“.

LEGGI ANCHE: Caso Morisi, la ministra Dadone: “Chi citofonerà a casa di Salvini?”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»