Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sentenza appello Cucchi, pene più severe: 13 anni per carabinieri Di Bernardo e D’Alessandro

stefano cucchi
Quattro anni (a fronte dei 3 anni e 8 mesi del primo grado) per Roberto Mandolini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Corte d’Assise d’Appello di Roma ha aumentato le pene rispetto al processo di primo grado per tre dei quattro imputati per la morte di Stefano Cucchi. Tredici anni di carcere (a fronte del 12 del giudizio del novembre 2019) per i due carabinieri Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro per omicidio preterintenzionale. Quattro anni (a fronte dei 3 anni e 8 mesi del primo grado) Roberto Mandolini, comandante interinale della stazione Appia, per falso. È stata invece confermata la condanna a 2 anni e 6 mesi al carabinieri e “imputato-accusatore” Francesco Tedesco, anche lui per falso.

LEGGI ANCHE: Il difensore del carabiniere: “Il pestaggio non fu violento, a uccidere Cucchi furono i medici”

La Corte d’Appello di Roma ha quindi accolto per gran parte le richieste del pg Roberto Cavallone, che aveva chiesto 13 anni per Di Bernardo e D’Alessandro, 4 anni e 6 mesi per Mandolini e l’assoluzione per Tedesco. Stefano Cucchi morì il 22 ottobre 2009 all’ospedale Pertini di Roma, dove era in custodia cautelare, in seguito alle percosse subite da Di Bernardo e D’Alessandro nella camera di sicurezza della Compagnia Casilina nella notte tra il 15 e il 16 ottobre 2019, poche ore dopo il suo arresto.

ILARIA: “SENTENZA STORICA, NON AVREI MAI PENSATO DI ARRIVARE FIN QUI”

“Questa sentenza riformata è un momento storico e per me di estrema emozione. Non avrei mai creduto di attivare fin qui”. Lo ha detto Ilaria Cucchi subito dopo la lettura della sentenza della Corte d’Appello di Roma che ha aumentato le pene per tre dei quattro imputati nel processo per la morte del fratello. “Devo ringraziare tante persone, a partire dall’avvocato Fabio Anselmo e la Procura di Roma nelle persone dell’ex procuratore Giuseppe Pignatone, dell’attuale procuratore Michele Prestipino e del sostituto Giovanni Musaro’. Senza di loro non saremmo qui. Il mio pensiero va a Stefano, a tutti questi anni, a quanto ci sono costati, e ai miei genitori che non sono qui proprio per il prezzo che hanno dovuto pagare per questi anni di sofferenza”.

LEGALE FAMIGLIA: “GRAZIE A PIGNATONE-PRESTIPINO-MUSARÒ, MAGISTRATI SERI”

“Il mio pensiero e il mio ringraziamento vanno all’ex procuratore Giuseppe Pignatone, al procuratore Michele Prestipino e al sostituto procuratore Giovanni Musarò. La giustizia funziona quando ci sono magistrati seri e capaci, in questo caso non sono necessarie tante riforme. L’importante è avere magistrati seri, onesti e capaci, senza di loro non saremmo arrivati qua”. Lo ha detto Fabio Naselmo, avvocato della famiglia Cucchi, commentando la sentenza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»