Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Migranti, padre Zanotelli: “L’Italia e l’Europa come i nazisti”

Il missionario comboniano intervistato dall'Agenzia Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Ma quand’è che l’Italia e l’Europa capiranno che stiamo commettendo un crimine orribile? Un giorno i nostri nipoti diranno di noi la stessa cosa che noi oggi diciamo dei nazisti…” Così alla ‘Dire’ padre Alex Zanotelli, missionario comboniano, sulla vicenda del mercantile El Hiblu 1 giunto a Malta dopo il dirottamento da parte dei migranti che non volevano essere riportati in Libia.

LEGGI ANCHE: Migranti, la portavoce di Sea Watch: “Salvini complice di un olocausto”

“Un fatto sul quale c’è molto da riflettere – ha commentato il religioso – e che rivela che razza di crimine abbiamo commesso prima con Marco Minniti e ora con Matteo Salvini stringendo un accordo con l’uomo forte di Tripoli, lasciando in Libia 800mila migranti, in buona parte africani, che sono torturati o stuprati”.

Secondo padre Zanotelli, il caso del mercantile conferma la gravità degli abusi che sono commessi nel Paese nordafricano. “Prendendo il controllo della nave – ha sottolineato il missionario – i migranti hanno detto: ‘Non possiamo essere riportati indietro perché in Libia ci torturano e le donne sono violentate”.

Padre Zanotelli è stato intervistato a margine della presentazione del magazine ‘Focus on Africa”, nella sede della Federazione nazionale della stampa italiana (Fnsi).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»