hamburger menu

Kimberly Bonvissuto, la Procura: “È allontanamento volontario, sta bene”

Sarebbe viva e lontana da casa per sua volontà la ventenne sparita da Busto arsizio il 20 novembre: lo dice una nota diffusa dal procuratore della cittadina in provincia di Varese

Pubblicato:27-11-2023 18:24
Ultimo aggiornamento:28-11-2023 15:27
Canale: Donne
Autore:
kimberly bonvissuto
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

BOLOGNA –  Non un femminicidio ma un allontanamento volontario da casa, una fuga d’amore a quanto pare. Kimberly Bonvissuto, la ragazza di 20 anni scomparsa lunedì 20 novembre da Busto Arsizio, non sarebbe in pericolo nè le sarebbe successo qualcosa di grave. A dirlo sono gli inquirenti. Nello specifico c’è una nota formale diffusa questa mattina dal procuratore capo di Busto Arisizio, Carlo Nocerino: “All’esito delle indagini finora svolte e sulla base degli elementi verificati l’allontanamento di Kimberly è da ritenersi volontario e non causato da intimidazioni o minacce. Per quanto constatato, almeno sino a qualche giorno fa, la ragazza è in territorio italiano e in buone condizioni di salute. La famiglia è stata informata di questi attuali sviluppi”, ha affermato il magistrato.

LEGGI ANCHE: Femminicidi, e ora si teme per Kimberly: appello per trovare la 20enne scomparsa da Busto Arsizio

L’ACCORDO CON LA CUGINA PER COPRIRE L’USCITA CON UN RAGAZZO

La sparizione della ragazza aveva molto allarmato i familiari. la giovane giovedì pomeriggio era uscita verso el 16 e aveva poi fatto sapere alla madre che si sarebbe fermata a cena con la cugina. Ma era una bugia. E la cugina a questa finzione si sarebbe prestata per coprire Kimberly, che aveva invece appuntamento con un ragazzo. La ragazzina lo ha rivelato solamente in serata, quando alle 22 Kimberly non era ancora tornata e il suo cellulare risultava ormai spento. Ha detto però di non conoscere l’identità del ragazzo con cui la cugina doveva uscire.

L’APPELLO DEL PADRE

I familiari hanno subito pensato al peggio, anche perchè la giovane era uscita solamente con telefono e caricabatterie, senza avere con sè (almeno apparentemente) vestiti di ricambio o altri bagagli. Dalla sua camera non avrebbe portato via nulla. Il padre, che abita in Sicilia dopo la separazione dalla madre, nella giornata di venerdì era arrivato a Busto Arsizio e davanti alle telecamere aveva lanciato un appello alla figlia affinchè desse notizie di sè e, qualunque cosa fosse accaduto, tornasse a casa che tutto si sarebbe sistemato.
Evidentemente Kimberly a casa non ci vuole tornare a casa, almeno per ora. Ma evidentemente deve aver fatto sapere alle forze dell’ordine che sta bene e che la decisione di andarsene è stata sua e non forzata da nessuno.

La ragazza era uscita di casa indossando una tuta grigia, giubbotto, scarpe nere: sono gli stessi indumenti che sono stati descritti sui social negli appelli che la famiglia aveva fatto girare quasi subito per ritrovare Kimberly. Gli inquirenti avevano fatto acquisire le immagini delle telecamere di sorveglianza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-11-28T15:27:34+01:00

Ti potrebbe interessare: