Governo alla stretta finale, Savona: Veti su di me; Gentiloni si congeda: Lascio un’Italia migliore

Edizione del 25 maggio 2018
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://www.youtube.com/watch?v=5xYnLGnCeL0&feature=youtu.be

GOVERNO ALLA STRETTA FINALE, SAVONA: VETI SU DI ME

Decidera’ il premier incaricato Giuseppe Conte se fare il nome di Paolo Savona come possibile ministro del Tesoro nel governo gialloverde. Dopo il faccia a faccia con il governatore di Bankitalia Ignazio Visco e un vertice a tre alla Camera, la partita del governo torna alla casella di partenza, quella del presidente del consiglio incaricato. Dal canto suo Savona si dice convinto che sulla sua figura siano stati posti dei veti. Ora per via XX settembre si ragiona su piu’ nomi. Possibile a questo punto che il giuramento slitti di qualche ora.

GENTILONI SI CONGEDA: LASCIO UN’ITALIA MIGLIORE

Tempo di saluti per il governo di Paolo Gentiloni. Il premier uscente si e’ congedato da collaboratori e dipendenti di Palazzo Chigi, osservando che dopo 5 anni il suo esecutivo lascia un’Italia migliore, sia sul fronte della crescita che dei diritti. Ora, ha aggiunto, si tratta di non dilapidare i sacrifici fatti. Preparano gli scatoloni anche ministri e sottosegretari. Carlo Calenda chiude il portatile allo Sviluppo: “Sono onorato di aver servito l’Italia. L’ho fatto con orgoglio e passione”, dice.

L’UNITA’ IN EDICOLA, PER ORA SOLO PER UN GIORNO

L’Unita’ torna in edicola per un solo giorno al fine di scongiurare la decadenza della testata, che non viene pubblicata dal 2 giugno 2017. La legge sulla stampa obbliga infatti a non superare la pausa di oltre un anno nelle pubblicazioni. Il giornale ha la grafica delle origini e un tributo al fondatore Antonio Gramsci. E’ stato realizzato dal direttore Luca Falcone e da 4 giornalisti. “L’ho fatto per non far morire l’Unita’ ed e’ stato bello, ma anche molto triste”, dice la cronista Claudia Fusani.

IL PAPA ALLA POLIZIA: VICINI ALLE FAMIGLIE IN CRISI

Il Papa riceve il personale della Questura di Roma, guidato dal Capo della polizia Franco Gabrielli. “Anche la Chiesa conosce le ansie e le tensioni delle famiglie, le violenze domestiche, le difficolta’ economiche, la precarieta’ del lavoro”, ha detto Bergoglio che ha definito la famiglia come “il luogo della tenerezza”, un valore che si sta perdendo ma che la famiglia puo’ aiutare a ritrovare. Gabrielli ha sottolineato che la polizia non “dimentica i valori etici che sono alla base della convivenza sociale e dell’aiuto ai piu’ deboli”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»