hamburger menu

Ucraina, Lilija Shevtsova: “Incredibile, Putin si spara sui piedi”

La cremlinologa alla Dire: "Isolamento e costi economici per l'offensiva"

LILA_SHEVTSOVA

ROMA – “Con questa decisione Vladimir Putin si è sparato sui piedi; ma abbiamo sbagliato anche noi esperti russi, convinti che quello che sta accadendo non sarebbe stato possibile, anche per le conseguenze per Mosca in termini di isolamento e costi economici”. A parlare con l’agenzia Dire è Lilija Shevtsova, politologa nata in Ucraina, autrice del libro ‘Putin’s Russia’.

LEGGI ANCHE: Dalla finale di Champions alla Formula 1, l’invasione dell’Ucraina mette in crisi anche lo sport

Dopo l’attacco all’Ucraina esposta a Palermo la bandiera della pace, Orlando: “Contro ogni conflitto”

Ucraina, il Pd attacca Salvini: “Avevi la maglietta di Putin, devi condannarlo”

Nel 99 per cento dei casi nessuno di noi credeva che un attacco del genere avrebbe avuto senso” sottolinea l’esperta, originaria di L’viv, una vita a Mosca, autrice anche per testate internazionali come Le Monde, Financial Times o Foreign Policy.
Ci sembrava un’ipotesi impossibile e in contrasto con i bisogni del regime, ma evidentemente nella mente di Putin si è fatta strada una logica differente” sottolinea Shevtsova. “Nelle scelte sull’Ucraina alcuni dei suoi collaboratori non lo hanno sostenuto ma alla fine nel presidente ha vinto il desiderio di ergersi a padre di un nuovo Stato russo, influente e ambizioso a livello globale, contrapposto agli Stati Uniti”.

LEGGI ANCHE: Invasione Ucraina, allarme Unicef: “Rischio immediato per sette milioni e mezzo di bambini”

Difficile questa mattina capire appieno la portata dell’intervento di Mosca, definito da Putin “un’operazione speciale” e associato ancora adesso delle agenzia di stampa di Mosca perlopiù all’area orientale del Donbass. “Se credo che ci possa essere un’invasione dell’Ucraina occidentale e di Kiev?” risponde Shevtsova. “Oggi non faccio previsioni ma mi sembra che Putin possa mirare ad annichilire la capacità delle forze armate dell’Ucraina e a favorire o imporre un cambiamento di governo“.

Secondo la politologa, nelle scelte del presidente c’è anche un elemento emotivo. “Ha fatto dell’Ucraina l’oggetto del suo revanchismo” dice Shevtsova. “Credo che nella sua scelta ci sia anche una volontà di rappresaglia nei confronti degli Stati Uniti”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-02-26T12:25:53+02:00