Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Nuovo dispositivo per diabetici in Toscana: un allarme sonoro avvisa in caso di ipoglicemia

dispositivo diabete
Si tratta di uno strumento di più semplice utilizzo che aiuta a migliorare la qualità della vita dei pazienti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – La Toscana introduce due le novità per monitoraggio glicemico dei pazienti diabetici. La prima è l’ampliamento dell’elenco dei beneficiari del dispositivo non allarmato, già in uso in regione dal 2016; la seconda riguarda l’introduzione di un nuovo dispositivo con allarme sonoro che si attiva e scatta in caso di ipoglicemia.

Le rinnovate disposizioni per l’automonitoraggio del glucosio interstiziale, prevedono in sostanza che anche le persone non vedenti, ipovedenti o ipovedenti gravi, così come quelle con diabete gestazionale in terapia insulinica intensiva, potranno utilizzare il dispositivo Fgm (Flash glucose monitoring) non allarmato per il controllo glicemico: tra le persone con diabete di tipo 1 e 2 sono inclusi anche coloro che rientrano in categorie particolari (sportivi, musicisti, soggetti con lavori e professioni che espongono al pericolo e che rendono difficile garantire regolarità dei pasti e dell’attività fisica). Oppure, non appena Estar avrà portato a termine tutte le procedure per l’acquisizione della fornitura, verrà prevista la possibilità di poter prescrivere il dispositivo con allarme sonoro.

“È un dispositivo molto innovativo, che permette, oltre alla misurazione in continuo del glucosio, l’attivazione di allarmi sonori in caso di glicemia troppo alta o troppo bassa“, spiega l’assessore regionale alla Salute Simone Bezzini. “Rispetto ad altri strumenti con funzioni simili, già disponibili in Toscana in regime di rimborso per specifiche categorie di persone con il diabete, questo sistema è di più semplice utilizzo e aiuta a migliorare la qualità della vita dei pazienti“. Ai medici, infine, verrà richiesto di raccogliere attivamente dati sui risultati dell’impiego del dispositivo durante i primi sei mesi di utilizzo, in modo da poterne valutare l’impatto complessivo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»