Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Roma il Maxxi ricorda Aldo Moro grazie all’opera di Francesco Arena

Per il quarantennale di via Fani verrà esposta una riproduzione della cella di prigionia dello statista
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In occasione del quarantennale della strage di via Fani, il Maxxi – Museo nazionale delle arti del XXI secolo rende onore alla memoria di Aldo Moro. E lo fa attraverso lo sguardo di un artista, Francesco Arena: la sua opera 3,24 mq, che riproduce in dimensioni reali l’angusto spazio nel quale Moro fu tenuto prigioniero per 55 giorni, sarà esposta dal 16 marzo al 9 maggio (date del rapimento e del ritrovamento del corpo) nel cuore del museo, nella galleria che ospita la collezione permanente con ingresso libero dal martedì al venerdì. Durante i 55 giorni di esposizione, saranno organizzati incontri con storici, studiosi, giornalisti, scrittori: per non dimenticare.

“Avevamo già in programma questa celebrazione, ma oggi più che mai ci sembra necessaria- spiega Giovanna Melandri, presidente Fondazione MAXXI- Anche un’istituzione come il MAXXI deve fare la sua parte per contrastare ogni segnale di imbarbarimento del clima culturale e sociale del nostro Paese. Ci auguriamo che vengano in tanti, soprattutto giovani, ad assistere agli incontri e a vedere con i propri occhi un’opera d’arte che ci fa rivivere in modo profondamente toccante uno dei momenti più tragici della nostra storia recente”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»