Basilicata

Acerenza in Lucania fra le perle d’Italia. E ospiterebbe anche il Sacro Gral

POTENZA – “Il nido d’aquila dell’alta Acerenza: così il poeta latino Orazio descriveva una delle più belle cittadine dell’Alto Bradano, arroccata con fierezza a oltre ottocento metri sul livello del mare“. Questo è l’attacco del pezzo con cui la rivista americana Forbes inserisce Acerenza, cittadina in provincia di Potenza, tra le dieci mete turistiche più belle e meno conosciute di tutta Italia.

“La sua Diocesi – si legge ancora – è una delle più antiche dell’Italia meridionale: qui ha soggiornato in qualità di arcivescovo Arnaldo, già abate di Cluny, che sognava per Acerenza una cattedrale maestosa, capace di dominare le valli, e per questo architetti francesi e maestranze lucane hanno ultimato la chiesa, rendendola così bella da togliere il fiato. Il luogo è denso di misteri e leggende. A cominciare da quella finestrella nella cripta della Cattedrale che secondo alcuni custodirebbe niente meno che il Sacro Graal. Alcuni studiosi sostengono poi che nella Cattedrale riposino i resti della figlia del conte Vlad III di Valacchia, meglio noto come il conte Dracula”.

Alla notizia dell’inserimento di Acerenza nella hit della rivista statunitense, piena è stata la soddisfazione del primo cittadino. “Tutto ciò – ha detto Fernando Scattone – da un lato ci riempie di orgoglio, ci gratifica per il lavoro sin qui svolto nella promozione del nostro borgo che da anni è censito nell’esclusivo club dei borghi più belli d’Italia, dall’altro ci sprona, cittadini ed amministratori, ad una maggiore responsabilità e coscienza dell’indiscutibile patrimonio storico, artistico e culturale che possediamo. E’ un onore – conclude il sindaco – essere inseriti in una classifica cosi importante, stilata da una delle più prestigiose riviste di settore al mondo. E lo è non solo per gli acheruntini ma per tutta la Basilicata che vive un momento estremamente positivo dal punto di vista della promozione e del turismo”.

(Le immagini sono tratte dal sito del Comune di Acerenza)

20 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»