Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’ultimo giorno dell’era Raggi al Campidoglio, tra selfie e commozione

virginia raggi ultimo giorno campidoglio
L'ormai ex sindaca lascia gli uffici dopo il passaggio di consegne con Gualtieri. Applausi e commozione dal suo staff, poi il saluto ai fotografi con il viso tirato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’ultimo minuto dell’ultimo giorno di Virginia Raggi da sindaca di Roma si è consumato con il viso tirato, quasi commosso, dietro la mascherina che le copriva il viso, un istante prima di salire nella sua auto davanti alla rampa dell’entrata Sisto IV di palazzo Senatorio. Qui l’ex sindaca ha incassato l’applauso dei componenti del suo staff, loro sì commossi fino alle lacrime. Un selfie di rito, un saluto con la mano e poi via, senza sorrisi e con un’espressione poco distesa, lasciando il Campidoglio per l’ultima volta da “padrona di casa”.

La proclamazione di Roberto Gualtieri a sindaco di Roma, per la verità, era avvenuta ieri. Ma è stato oggi, con l’insediamento effettivo del nuovo primo cittadino, l’affaccio dal balcone sui Fori e il passaggio simbolico del testimone davanti alla stampa, che l’era Raggi si è davvero conclusa. Il passaggio di consegne negli uffici, raccontano le fonti, si è svolto in un clima sereno e molto formale. Lo studio era stato già liberato i giorni scorsi. Dopo una ventina di minuti di colloquio privato i due si sono recati in aula Giulio Cesare per l’ultimo bagno di flash per l’ex sindaca.

LEGGI ANCHE: Comunali Roma, da Simoni ad Alfonsi: ecco le prime ipotesi per la giunta Gualtieri

Poi lo staff del nuovo primo cittadino ha preso possesso delle stanze del Campidoglio, ancora alla ricerca dei luoghi più adatti per iniziare il lavoro. Gualtieri ha ricevuto la fascia, anche se non l’ha indossata stamani, e per qualche minuto era sembrato che non fosse stata consegnata. E a cerimonia conclusa è anche arrivato il primo omaggio floreale, scaricato da un’automobile targata Corpo Diplomatico. Raggi era già lontana dal palazzo. Ma per lei quello di oggi è stato comunque un arrivederci: tra pochi giorni si riapriranno le porte dell’aula Giulio Cesare dove ritroverà il suo vecchio scranno da consigliera, di minoranza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»