Unipol, “gli scioperi fanno breccia”: l’azienda convoca i sindacati

Dopo l'ondata di scioperi, Unipol ha convocato i sindacati Fisac-Cgil, First-Cisl, Uilca-Uil, Fna e Snfia per lunedì 26 marzo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I sindacati ne sono convinti: “Gli scioperi hanno aperto una breccia nel muro di gomma”. La mobilitazione dei lavoratori del Gruppo Unipol, circa 10.000 in tutta Italia, insomma ottiene un primo risultato. L’azienda ha infatti convocato Fisac-Cgil, First-Cisl, Uilca-Uil, Fna e Snfia per lunedì prossimo 26 marzo “per vedere se ci sono le condizioni per riaprire la trattativa“.

Comunque la campagna “chilavoraconta” prosegue. Sono gli ultimi sviluppi della vertenza lanciata contro le decisioni unilaterali dell’azienda (cambi di contratto, esternalizzazioni e innovazioni tecnologiche che metterebbero a rischio posti di lavoro) già sfociata in scioperi a singhiozzo e in un primo ‘fermo’ in tutte le sedi del Gruppo.

LEGGI ANCHE: Su e giù per le scale per scioperare, in Unipol no agli ascensori

In questi giorni a Rimini, per fare il punto sullo stato dell’arte, si è riunito il direttivo della Fisac-Cgil del gruppo Unipol e il coordinatore Giovanni Gabbiani annuncia appunto l’incontro di lunedì con sul tavolo i nodi fondamentali della vertenza: le esternalizzazioni delle attività; le modalità contrattuali; “la mancanza di dialogo sociale tra le parti, anche a fronte dell’attuale incerto quadro politico”.

E ribadisce che “la mobilitazione non si ferma“, a partire dalla raccolta fondi per la cassa di resistenza per sostenere gli scioperi.

LEGGI ANCHE: Unipol, a Bologna sciopero di un’ora ‘a staffetta’. I sindacati esultano: “Adesione altissima”

Tra i sindacati, sottolinea Gabbiani, “c’è grande unità e compattezza”, a cui si aggiunge ora “l’attesa” per l’incontro fondamentale di lunedì prossimo. Dall’1 febbraio a oggi le parti sociali hanno messo in campo una seria di “mobilitazioni importanti”, come lo sciopero alla Torre di via Larga a Bologna in cui i dipendenti si sono ritrovati a non poter usare l’ascensore per scendere al presidio di fronte all’ingresso della sede aziendale e quello nazionale, “riuscitissimo”, di giovedì 15 marzo, per il quale si attendono i riscontri ufficiali sui numeri. E, comunque, la lotta continua.

LEGGI ANCHE: Unipol, si apre ‘cassa-resistenza’ per ammortizzare sciopero a oltranza

Il direttivo Fisac-Cgil, prosegue Gabbiani, nella tavola rotonda di ieri con tutti i sindacati coinvolti nella campagna ha discusso sulla fase di mobilitazione, ragionando su quella che si apre. “Stiamo superando le vecchie divisioni– conclude Gabbiani- per una rappresentanza unita di fronte alla sfida che abbiamo di fronte”. A partire dall’incontro di lunedì.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»