Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il ‘maratoneta’ per Zaki arriva a Roma con 278.000 firme in tasca

zaki
Marino Edoardo Antonelli ha percorso a piedi 800 chilometri per chiedere che venga concessa la cittadinanza allo studente egiziano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Federica Nannetti

BOLOGNA – Dopo 30 giorni di cammino, perfetto sulla sua tabella di marcia, Marino Edoardo Antonelli è arrivato a Roma per chiedere, ancora una volta, che sia concessa la cittadinanza italiana a Patrick Zaki. Una sorta di mobilitazione itinerante che è stata sostenuta fin dall’inizio da Station to station e che si è conclusa con un sit-in in piazza Santi Apostoli.

Antonelli era partito il 20 settembre da Rezzato, nel bresciano, per il suo ormai famoso ‘Walking for Patrick’, e ha percorso 880 chilometri per portare le 278.000 firme raccolte su Change.org nella capitale, dove ‘ha deposto le scarpe’ nel fulcro di un maxi orologio con lancette nere e gialla disegnato per terra. Il ‘maratoneta’ dalla maglietta bianca con il volto di Patrick, insieme ai tanti attivisti presenti, è andato a rappresentare una delle dodici ore del quadrante: in sottofondo un ‘tum tic’ incessante. È il tempo che passa, il tempo che continua a scorrere anche per lo studente egiziano iscritto all’Alma Mater detenuto dal 7 febbraio 2020 nel suo Paese: sono già 621 giorni dietro le sbarre.

“Insieme si contano i secondi, si difende il suo tempo affichè possa rimanere suo e suo soltanto, ma fuori da lì”, racconta la voce della performance, alla quale sono seguite le parole di Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International: “A nome di tutti gli attivisti un ringraziamento per la camminata che vuole ribadire ‘Free Patrick Zaki’. Questo è un momento per ricordare le centinaia di migliaia di persone che hanno firmato l’appello di cittadinanza e le tante altre che ogni giorno scrivono, o fanno qualsiasi altra cosa per la causa di Zaki. Ma è anche un momento per esortare chi ancora non ha fatto, a fare”.

Un momento, quello del sit-in piazza Santi Apostoli per l’arrivo del camminatore per Zaki, per ricordare quanto sia importante continuare a tenere alta l’attenzione: “Mancano ancora tante settimane alla prossima udienza del 7 dicembre– continua Noury- che potrebbe essere come le prime due ma che potrebbe essere anche l’ultima. Potrebbe concludersi con una condanna inappellabile e allora queste settimane devono essere usate dal nostro Governo per far sì che l’esito di quell’udienza, o eventualmente di quelle successive, sia solo uno: che Patrick sia riconosciuto innocente”.

Presente al sit-in anche il deputato del Pd, Andrea De Maria: “Un’occasione per ribadire anche l’impegno del Parlamento che con una mozione ha sollecitato il Governo a conferire la cittadinanza. Un modo per fare pressione sulle autorità egiziane e per chiedere il rispetto dei diritti civili e democratici dello studente dell’Alma Mater di Bologna. È una battaglia politica per ribadire che le ragion di Stato hanno limiti nel dovere di far vivere ogni giorno i principi di libertà di pensiero e parola”.

E poi, ovviamente, il messaggio di Marino Antonelli: “Grazie a tutti coloro che hanno voluto condividere questa battaglia per i diritti e per la libertà di espressione. E di vita per Zaki“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»