Scuola, i presidi: “Preoccupazione per il rientro in presenza al 100%”

ROMA, RITORNO A SCUOLA, RIAPERTURA DEL LICEO NEWTON
Il presidente dell'Associazione nazionale presidi (Anp) propone di lasciare alle scuole la possibilità di scegliere in quale percentuale consentire la didattica in presenza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Noi siamo favorevoli al rientro a scuola per tutti gli studenti, ma c’è una riflessione tecnica da fare: se sul piano vaccinale la situazione è migliorata, non è così sul trasporto pubblico -centrale per il rientro in presenza delle superiori- e per il problema degli spazi. In aggiunta il piano di screening non riesce a decollare, quindi qualche preoccupazione c’è”. Così Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi (Anp), intervenuto questa mattina ad Omnibus, su La7.

LEGGI ANCHE: Speranza: “Priorità alla scuola, dal 26 lezioni in presenza nelle zone gialle e arancioni”

“Tutto dipende dal rischio che possiamo accettare. L’importante è essere chiari. Basta che questo rischio sia chiaro per tutti– ha spiegato Giannelli- Bisogna dire alle scuole cosa devono fare nelle aule in cui non è possibile ospitare 30 studenti con un metro di distanza”. Giannelli ha proposto quindi di lasciare alle scuole la possibilità di scegliere in quale percentuale consentire la didattica in presenza, “magari facendo entrare in classe il 75-80%- ha detto- degli elementi di flessibilità sarebbero necessari”.

ANDIS: FORTE SENTIMENTO DI PREOCCUPAZIONE PER RIAPERTURA SUPERIORI

L’Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici (Andis) segnala al Governo e al ministro dell’Istruzione che tra il personale scolastico e le famiglie continua a diffondersi un “forte sentimento di preoccupazione e di ansia circa i possibili rischi connessi alla ripresa, dal prossimo 26 aprile, delle lezioni in presenza anche per le secondarie di II grado senza che siano stati predisposti servizi aggiuntivi e più efficaci interventi di prevenzione”. Così l’Andis in una nota.

A questo proposito, l’associazione ribadisce “la necessità e l’urgenza di emanare alcune misure indifferibili“, come l’aggiornamento del protocollo di sicurezza (anche in relazione alla diffusione delle varianti COVID); la possibilità che siano i dirigenti a scegliere la percentuale di alunni da ammettere in presenza (a partire dal 50%); la somministrazione di tamponi periodici agli alunni e al personale della scuola; efficaci misure di tracciamento; linee guida unitarie all’indirizzo di ASL/USL; il completamento della vaccinazione del personale scolastico; aumento dei mezzi di trasporto scolastico; la gestione alla Protezione Civile e alle organizzazioni di volontariato il controllo sugli assembramenti all’entrata e all’uscita delle scuole e alle fermate dei mezzi pubblici.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»