Coronavirus, a Bari Decaro propone: “Multa da 2000 euro a chi esce senza motivo”

antonio-decaro
"Abbiamo chiesto di inasprire la sanzione per chi non rispetta le regole", dice il sindaco Decaro, che vorrebbe una pesante sanzione come deterrente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – Una multa da 2.000 euro per chi non rispetta le regole e va in giro senza nessun motivo. È la proposta lanciata ieri sera dal sindaco di Bari, Antonio Decaro, preoccupato di riuscire a contenere la diffusione del Covid-19 in Puglia.  “Le persone controllate oggi dagli agenti della polizia locale sono state 1209, 52 sono state denunciate ma poco fa- ha detto Decaro ieri sera nel corso di una diretta Facebook con i baresi in videoconferenza con i presidenti delle Regioni”. E ha proseguito: “Abbiamo chiesto di inasprire la sanzione per chi non rispetta le regole, una sanzione rigida e ampia: una multa nei confronti di chi esce senza dimostrare dove sta andando. Ma deve essere una sanzione salata per creare effetto deterrente. La proposta è 2mila euro”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, nuova stretta in Emilia-Romagna: parchi chiusi e stop ‘passeggio’ (anche in bici)

L’appuntamento social di ieri sera è stato anche l’occasione per “annunciare qualche provvedimento” come “chiudere i bar delle stazioni di servizio che con tutti gli altri bar chiusi erano diventati luoghi di assembramento”, la diminuzione “delle corse dei mezzi pubblici urbani ma non negli orari di punta, ridurremo la frequenza nelle ore di morbida così evitiamo che le persone si possano spostare”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Coronavirus, De Luca: “15 giorni di quarantena a chi passeggia senza motivo”

Sono tanti – prosegue il sindaco – coloro che escono di casa per andare nei circoli, ecco io alle mogli di queste persone direi di lasciarli fuori di casa quando vanno a giocare a carte perché in quei casi la possibilità di contagio aumenta”. Decaro ha ricordato il “sindaco di Mezzoldo (Bergamo) Raimondo Balicco che è morto oggi e ho fatto le condoglianze alla famiglia a nome degli 8mila sindaci che in qualità di presidente Anci rappresento”.

A chi gli ha posto domande sulla possibilità di andare a correre, Decaro ha replicato che “il governo sta vagliando ulteriori strette”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»