Tg Scuola, edizione del 18 dicembre 2020

E' online l'edizione settimanale del Tg Scuola
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

– AULE SICURE CON RISPETTO NORME ANTI-COVID: RICERCA SIP-BAMBINO GESÙ-IDO

La scuola è un luogo sicuro. È questo il messaggio emerso durante la conferenza stampa, all’istituto ‘Regina Elena’ di Roma, in cui sono stati presentati i risultati del progetto ‘A tutela dello studente, per una scuola sicura’ promosso dalla Società italiana di pediatria, l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù, l’Istituto di Ortofonologia e la Fondazione Mite. Un progetto pilota per avere dati certi sulla reale pericolosità di diffusione all’interno degli istituti scolastici del Covid-19 attraverso la somministrazione di test diagnostici salivari e test da campione ematico a tutti gli studenti, i professori e il personale Ata. Alla conferenza sono intervenuti Alberto Villani, presidente della Società Italiana di Pediatria; Agostino Miozzo, coordinatore del Comitato tecnico scientifico; Federico Carlo Perno, Responsabile di Microbiologia dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù; Federico Bianchi di Castelbianco, Direttore dell’Istituto di Ortofonologia e Rossella Sonnino, Dirigente scolastica dell’IC ‘Regina Elena’ di Roma.

– AZZOLINA: RESPONSABILI A NATALE PER TORNARE IN PRESENZA A GENNAIO

Un ‘Natale digitale’ più sobrio ma non meno significativo quello inaugurato dalla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina in diretta streaming. Il ‘Natale digitale’ è l’iniziativa del ministero dell’Istruzione nata per valorizzare i progetti didattici realizzati con l’utilizzo delle tecnologie in occasione delle prossime feste. Un evento ancora più significativo considerato l’importante ruolo che il digitale ha svolto durante la pandemia. Dopo essersi complimentata con i partecipanti, la ministra ha parlato delle festività natalizie dicendo che “in questo periodo dobbiamo essere ancora più responsabili anche per far tornare tutti gli studenti in classe il 7 gennaio”.

– MIOZZO: SACRIFICI NECESSARI PER TORNARE PRESTO IN CLASSE

“La situazione epidemiologica è ancora molto fragile e critica, ma non dobbiamo smettere di lavorare per garantire il ritorno a scuola. I tavoli dei prefetti devono continuare a lavorare, a creare le premesse e le condizioni affinché gli studenti possano tornare a scuola in sicurezza; se non facciamo questo vuol dire che abbiamo fallito”. Agostino Miozzo, coordinatore del Comitato tecnico scientifico, ha parlato alla Dire del ritorno in classe per gli studenti delle scuole secondarie di II grado. Un appuntamento previsto per il 7 gennaio che la situazione epidemiologica sta mettendo però in discussione. Ma la scuola, ha ribadito con forza Miozzo, non può continuare a pagare “gli errori degli altri”.

– AZZOLINA: CON GIUDIZIO DESCRITTIVO DIAMO VALORE A PERCORSO ALUNNI

Un percorso che mette al centro gli studenti e li rende protagonisti attivi di un processo di crescita. La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha presentato così l’introduzione del giudizio descrittivo nella valutazione periodica e finale nella scuola primaria. “Un cammino in cui riadattare l’insegnamento in base ai bisogni educativi di ogni singolo alunno o alunna”, ha aggiunto la ministra, per attribuire più valore alla progressiva acquisizione di conoscenze e competenze, sostenendo e valorizzando la motivazione. Il giudizio descrittivo non ha la freddezza del voto numerico- ha concluso Azzolina- ed è un tassello centrale anche per i docenti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»