Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 15 ottobre 2021

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PRIMO GIORNO DI GREEN PASS, PROTESTE MA NO BLOCCHI

Proteste e disagi, ma l’Italia non si blocca. Il primo giorno del Green Pass obbligatorio sui luoghi di lavoro manda in tilt parecchie città, con presidi da Roma a Milano. Lo sciopero dei portuali di Trieste e la carenza di autotrasportatori impattanno sulla catena della logistica con code, mancate consegne e ritardi. “Ci sono difficoltà e ranghi ridotti, ma il Porto di Trieste funziona”, dice il governatore del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga. Il titolare della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, non segnala criticità negli uffici statali. Controlli anche a Palazzo Chigi, dove i ministri hanno dovuto esibire la certificazione verde per partecipare alla riunione del governo.

5 MESI IN PIÙ PER PAGARE LE CARTELLE ESATTORIALI

Via libera del Consiglio dei ministri al decreto fiscale, un provvedimento che anticipa alcune misure prima della legge di bilancio, che invece sarà varata la prossima settimana. Nel pacchetto di norme: 5 mesi in più di tempo per pagare le cartelle esattoriali che l’Agenzia delle entrate ha ricominciato a notificare dal 1° settembre, dopo il blocco dovuto alla pandemia. Estesa la cassa integrazione con causale Covid fino a dicembre per consentire un’uscita graduale dal blocco dei licenziamenti, soprattutto per le piccole imprese. Viene rifinanziato il reddito di cittadinanza con 200 milioni di euro per il 2021 e arriva il giro di vite contro gli incidenti sul lavoro: inasprimento delle multe e sospensione dell’attività per le aziende fuori dalle regole.

ADDIO ALITALIA, ECCO ITA AIRWAYS, AEREI TUTTI AZZURRI

Alitalia addio, arriva ITA-Airways. Gli aerei non saranno più bianchi ma azzurri, rimandando ai successi sportivi, e il vecchio logo comprato solo ieri finisce in soffitta. L’annuncio a sorpresa durante la conferenza stampa di oggi, giorno del primo volo ITA Airways, partito da Milano Linate e atterrato a Bari. Gli aerei cambieranno colore nei prossimi mesi, così come divise e banchi. I 90 milioni pagati per il marchio Alitalia pagheranno gli stipendi dell’amministrazione straordinaria della vecchia compagnia, spiegano i vertici ITA, che annunciano di voler tenere il brand nel cassetto per gestire con calma la transizione. ITA Airways parte oggi con 52 aerei con un network di 44 destinazioni e 59 rotte, 191 voli in totale. Il presidente Alfredo Altavilla rivela di aver subito “pressioni politiche e di averle respinte”. Parole che fanno infuriare il Pd: “Se ci sono state ingerenze, le denunci”.

“VISITA INOPPORTUNA”, MELONI NON VA AL GHETTO

Il 16 Ottobre del 1943 i nazifascisti rastrellarono il ghetto ebraico di Roma: più di mille le persone catturate, di cui 200 bambini. Torneranno, sopravvissuti ai campi di sterminio, solo in 16. Questa mattina si è svolta una cerimonia con i vertici della Comunità ebraica romana e il rabbino capo che hanno deposto una corona di fiori sotto la lapide in ricordo dei deportati, sulla facciata della grande sinagoga. “E’ una ferita ancora aperta”, ha detto la presidente Ruth Dureghello. Alla commemorazione aveva annunciato la sua presenza la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. Visita che poi è saltata, come spiega la Comunità, per ragioni di oppurtunità, perchè alla vigila del voto per i ballottaggi. “C’è un clima acceso- ha aggiunto Dureghello- diventa determinante ribadire l’antifascismo, condannare quei terribili fatti e assumersi delle responsabilità rispetto al passato”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»