Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Scuola, edizione del 15 ottobre 2021

scuola
E' online l'edizione settimanale del Tg Scuola
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

– SCUOLA, RESTA DIVARIO TRA NORD E SUD: AL MERIDIONE TEMPO PIENO SOLO PER IL 16%

In Italia la scuola continua ad andare a due velocità: troppe ancora le disuguaglianze tra il Centro Nord e il Sud del Paese. Nel Meridione il 56% degli edifici necessita di interventi urgenti contro il 36% di quelli del Nord. Restano troppo pochi al Sud i servizi legati al servizio mensa, al trasporto scolastico e al tempo pieno, attivo solo nel 16% degli istituti. A fotografare la situazione è il XXI rapporto di Ecosistema Scuola, l’indagine di Legambiente sulla qualità dell’edilizia scolastica e dei servizi che fa il punto sullo stato di salute di 7mila edifici scolastici di 98 capoluoghi di provincia, frequentati da oltre 1,4 milioni di studenti. La pandemia, però, ha permesso nuovi investimenti negli istituti scolastici, con la realizzazione di nuove aule e il potenziamento della rete internet per la DAD. Per Legambiente, le priorità da attuare con i fondi del Pnrr, sono gli interventi di adeguamento sismico e l’efficientamento energetico delle scuole.

– IL MINISTERO DELL’ISTRUZIONE ALLA XXXIII EDIZIONE DEL SALONE DEL LIBRO DI TORINO

Il ministero dell’Istruzione partecipa alla XXXIII edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino, in programma dal 14 al 18 ottobre. Il ministro Patrizio Bianchi ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione, e durante l’intera manifestazione il ministero avrà uno stand in cui saranno presentati i principali progetti in corso. Il ministero parteciperà anche all’evento ‘Leggere le periferie’ e all’appuntamento ‘La mia scuola si chiama Gianni Rodari’, in cui verrà presentata l’indagine sulle seicento scuole intitolate a Gianni Rodari. In occasione del Salone del Libro, è stato aperto anche il sito del Sistema Integrato Biblioteche Innovative Scolastiche. Per la prima volta, le biblioteche scolastiche innovative di tutta Italia entrano in rete fra loro.

– ROMA, LE RICHIESTE DEL LICEO MAMIANI: PERCORSO ALIAS E LEZIONI DI GENERE

Il protocollo Alias arriva anche nel liceo classico ‘Mamiani’ di Roma. Il percorso, che permette agli studenti che hanno intrapreso una transizione di genere di utilizzare un nome diverso da quello anagrafico, è stato proposto anche dal Collettivo del liceo romano. Tra le richieste degli studenti, anche una collaborazione con la Casa delle donne, e l’inserimento nell’orario scolastico di ore dedicate alle tematiche di genere, che possano integrarsi con l’educazione alla cittadinanza.

– A ROMA STUDENTI CONTRO LO SCAGLIONAMENTO DEGLI INGRESSI: “ERA MEGLIO LA DAD”

Niente più sport, attività ricreative e tempo sufficiente per fare i compiti. Il rientro tra i banchi in presenza ha comportato altri sacrifici per i giovani studenti italiani, alle prese con orari impossibili da conciliare con la vita extrascolastica. A Roma, nel liceo statale ‘Vittoria Colonna’, ragazzi e ragazze stanno manifestando da giorni, con il sostegno di genitori e docenti, contro lo scaglionamento degli ingressi che costringe il 40% degli studenti della scuola a entrare alle 9.40 per uscire alle 15.40. “C’è chi abita lontano dalla scuola e torna a casa alle 17– racconta alla Dire Irene, rappresentante degli studenti del liceo- forse alcuni miei compagni avrebbero preferito la Dad. Non c’è il tempo materiale per fare sport o studiare. La nostra vita è ridotta al nulla”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»