Aquarius, Nogarin (M5S) “pronto ad accogliere”, poi ci ripensa: ecco il post delle polemiche

Giallo su un post del sindaco pentastellato di Livorno, e Fico smentisce Salvini: "Nessun decreto di chiusura dei porti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La ferma volontà di Matteo Salvini di chiudere i porti italiani alla nave Aquarius ed al suo carico di 629 migranti, tra cui 11 bambini piccoli, 7 donne incinta e 123 bambini non accompagnati, mette in difficoltà il Movimento 5 Stelle.

Diventa un giallo infatti il post del sindaco pentastellato di Livorno, Filippo Nogarin, che, su facebook, si era detto disponibile ad accogliere la nave Aquarius nella propria città. Il post, dal titolo “Livorno Porto Aperto”, è stato però subito rimosso.

“Siamo pronti ad aprire il porto di Livorno e accogliere la nave Acquarius con il suo carico di 629 vite umane”, aveva scritto Nogarin, in aperto contrasto con la decisione del governo gialloverde.

“Ho già dato la nostra disponibilità al ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, e ne ho parlato con il presidente della Camera Roberto Fico. Io capisco perfettamente che si voglia dare un segnale all’Europa, chiedendo un cambio di passo sulle politiche migratorie ma questo braccio di ferro con Bruxelles non può essere fatto sulla pelle di centinaia di uomini, donne e bambini”.

E su una linea critica nei confronti del governo sembra assestarsi anche il presidente della Camera Roberto Fico che smentisce la chiusura dei porti italiani: “Sappiamo che è partita più di una nave di viveri e personale medico a sostegno dell’Acquarius. So che stanno tutti bene. Non c’è nessun decreto di chiusura porti. Sto seguendo da vicino la vicenda”.

LEGGI ANCHE:

Migranti, Toninelli: “A bordo dell’Aquarius le condizioni sono buone, c’è il cibo”

Nave Aquarius, a chi spettano i soccorsi? Ecco tutto quello che c’è da sapere

Migranti, ecco la rotta di nave Aquarius, bloccata nel canale di Sicilia

Migranti, nave Aquarius ancora bloccata: 629 a bordo, scontro Italia-Malta

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»