Salvini e Meloni, fronte unito contro un comune nemico: Richard Gere

L'attore americano da ieri sulla nave Open Arms. A bordo 160 migranti a cui non è concesso di sbarcare in alcun porto del Mediterraneo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Matteo Salvini e Giorgia Meloni si alleano contro un comune nemico: Richard Gere. L’attore americano ieri è salito a bordo della nave ‘Open Arms’, della ong spagnola ‘Proactiva Open Arms’ che da oltre una settimana ospita a bordo oltre 120 migranti salvati nelle acque a nord della Libia. Oggi Gere ha partecipato alla conferenza stampa della Open Arms a Lampedusa, dichiarando di avere incontrato a bordo della nave “persone straordinarie, coraggiose, con storie terribili”.

‘Critica il decreto Salvini ma… quanti ne ospiti in villa Richard’. Replica Matteo Salvini attraverso un meme postato sui social, in cui è ritratto l’attore Richard Gere a bordo della Open Arms. Salvini quindi aggiunge nella didascalia: “Visto che i suoi amici della ong hanno 180 immigrati a bordo, sono sicuro che il generoso milionario li ospiterà tutti nelle sue ville. Sbaglio?”.

MELONI: DA RICHARD GERE COMPARSATA SPOT

“Secondo i dati ufficiali, il 90% di chi è sbarcato illegalmente in Italia negli ultimi anni è uomo e solo il 10% donna. Ma quando una star di Hollywood come Richard Gere decide di fare la sua comparsata a favore di telecamera su una nave Ong, guarda caso, spuntano per la foto moltissime donne. Perché per i nuovi schiavisti è più facile fare propaganda immigrazionista facendo vedere donne e bambini che non solo uomini adulti (come avviene di solito). Ci prendono per scemi? Open Arms e Richard Gere da quanto tempo hanno concordato questo spot?”. Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»