FOTO E VIDEO | Migranti, Richard Gere sale a bordo della Open Arms

Inviate richieste d'asilo,per la prima volta dal mare
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Gli 89 adulti presenti a bordo della nave Open Arms avrebbero compilato e inviato le loro richieste d’asilo dal mare, dopo oltre una settimana in cui hanno aspettato di essere autorizzati a sbarcare in un Paese sicuro. La notizia è stata diffusa dal fondatore dell’ong, Oscar Camps attraverso un social network: “Open arms convertita in un inedito ufficio per l’asilo. Gli 89 adulti hanno manifestato in acque internazionali la loro volontà di chiedere protezione in Europa. Abbiamo inviato le loro testimonianze agli uffici dell’Acnur (Unhcr) e dell’Mrcc di Roma” ha scritto, usando le sigle relative all’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati e del Centro Nazionale di coordinamento del soccorso della Guardia costiera. Secondo Camps si tratterebbe della prima volta in cui questa procedura viene avviata dal mare. Oggi i migranti a bordo del rimorchiatore, 121 in totale, hanno ricevuto messaggi di solidarietà da molti personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo, e le visite a bordo di chef Rubio e di Richard Gere. 

RICHARD GERE A BORDO DELLA OPEN ARMS

L’attore statunitense Richard Gere è salito a bordo della nave ‘Open Arms’, della ong spagnola ‘Proactiva Open Arms’ che da oltre una settimana ospita a bordo oltre 120 migranti salvati nelle acque a nord della Libia. L’attore ha consegnato alcuni viveri a bordo. La nave si trova al largo dell’isola di Lampedusa. “Abbiamo un compagno speciale, un amico e soprattutto un attivista per i diritti”, scrive la ong sul suo profilo Twitter postando le foto e alcuni video di Gere a bordo.

Intanto il ministro degli Interni, Matteo Salvini, pur preso dalla crisi di Governo, ha fatto sapere la sua sulla situazione. “Al Governo spagnolo- ha detto- abbiamo scritto di farsi carico dei 120 immigrati a bordo della Open Arms, una Ong spagnola. Mentre per l’Ocean Viking di una Ong francese, nave con bandiera norvegese carica di 80 immigrati in acque libiche, sono pronto a firmare il divieto di ingresso nelle acque italiane”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»