VIDEO | Roma, Calenda: “Poteri speciali, ma non affidati all’incapace Raggi”

ROMA – “Quello che crediamo, e che abbiamo gia’ ripetuto alle forze politiche, e’ che bisogna commissariare Roma. Se la Raggi chiede risorse straordinarie, come ha chiesto, e anche poteri straordinari, non li possiamo dare a una persona che si e’ dimostrata completamente incapace”. Cosi’ il leader e fondatore di Azione, Carlo Calenda, nel corso di un’intervista all’agenzia stampa Dire.

“Il commissariamento puo’ partire identificando un’emergenza, come ad esempio e’ quella sanitaria legata ai rifiuti, e sulla base di questo serve una delibera del prefetto e del Consiglio dei ministri- ha aggiunto Calenda- Non e’ normale che la Raggi dopo 3 anni, cambiando diversi assessori, annunci ora una discarica che aprira’ tra due anni. In qualsiasi azienda del mondo una persona che fa cosi’ sarebbe stata licenziata. Noi la possiamo ‘licenziare’ con le elezioni ma se noi andiamo a scadenza di mandato con la Raggi nessuno riuscira’ a mettere in sesto la citta’.

Roma- ha concluso- non puo’ essere una questione romana ma nazionale, perche’ rimetterla in piedi dalla condizione in cui si trova ora sara’ una questione nazionale e senza un Governo ‘potabile’, bensi’ ideologico come potrebbe essere quello Salvini-Meloni o quello attuale, la citta’ non la tiri fuori”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

9 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»