VIDEO | ‘Coronavirus e il resto scompare’, lo slogan degli attivisti di Friday for future a Napoli

"Non vogliamo sminuire le misure del governo per contenere il contagio da coronavirus ma non passi in sordina la lotta alla crisi climatica"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Noi con questo strike non vogliamo sminuire né le misure del governo per contenere il contagio da coronavirus Covid-19 né pensiamo che la questione debba passare in sordina. Pensiamo, pero, che non debba passare in sordina la lotta alla crisi climatica”. Lo spiega alla Dire Michela Spina di Fridays for future Napoli che oggi era in piazza Dante con altri 10-15 attivisti per provare a riaccendere i riflettori sul cambiamento climatico. ‘Coronavirus e il resto scompare’ è lo slogan scelto dai manifestanti che hanno deciso di seguire le misure disposte dal Dpcm 4 marzo 2020 “restando a un metro, un metro e mezzo l’uno dall’altro”.

“Tutti i fenomeni meteorologici estremi – prosegue – che stanno avvenendo non sono un caso o cicli naturali, ma sono causati dalle azioni antropiche e da questo modello di sviluppo che si è rivelato fallimentare. Noi vogliamo portare avanti una battaglia di cui fino a poco tempo fa, quando c’erano gli strike globali, si parlava, ma che oggi vede disattese le riforme promesse, da 30 anni a questa parte”.

LEGGI ANCHE: Friday for future, domani attivisti in piazza per il clima a Napoli

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»