hamburger menu

Epic videomapping game ad Aosta: si gioca con l’arco d’Augusto (e in molti altri luoghi)

La più grande ludoteca italiana popolerà il centro città fino al 15 agosto: più di 2.000 giochi da tavolo e oltre 300 appuntamenti

Arco di Augusto
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

AOSTA – L’Arco d’Augusto si trasformerà in un grande gioco interattivo e multimediale, con 120 giocatori divisi in squadre che in base alle loro “mosse” decideranno la forma finale dello storico monumento della città di Aosta. L’Epic Challenge, gioco-videomapping dell’Arco d’Augusto, inaugurerà, nella serata di giovedì 11 agosto, alle 21.30, la 14esima edizione di GiocAosta, la più grande ludoteca italiana che popolerà il centro di Aosta fino al 15 agosto, con più di 2.000 giochi da tavolo e oltre 300 appuntamenti per tutti. “Le pre-iscrizioni all’evento hanno già raggiunto quota 2.000- annuncia Davide Jaccod, vicepresidente di Aosta Iacta est che coordina l’organizzazione, surante la conferenza stampa di presentazione- l’obiettivo è raggiungere le 25.000 presenze dell’ultima edizione Pre-Covid”. Il fil rouge di questa edizione sarà “il giro del mondo in 80 giochi” che, come spiega Jaccod, “si ispira a due importanti anniversari: da una parte i 150 anni dalla pubblicazione del Giro del mondo in 80 giorni di Jules Verne e dall’altra i cinquantecentenario della prima circumnavigazione della Terra iniziata da Ferdinando Magellano”.

SI GIOCHERÀ DAPPERTUTTO, E ANCHE IN CONSIGLIO COMUNALE

Si giocherà dappertutto, nelle piazze Chanoux, Narbonne e Chabloz ma anche in alcuni luoghi simbolo della città, come il criptoportico forense, il cimitero di Sant’Orso, il Centro Saint-Bénin, la collegiata di Sant’Orso e, per la prima volta, anche nella sala del Consiglio comunale. A divertire turisti e residenti, oltre ai giochi da tavolo distribuiti su più di 200 tavoli, non mancheranno tornei, le escape room, cacce al tesoro notturne, giochi di ruolo e giochi investigativi. Tutti i dettagli del programma potranno essere seguiti sull’app dell’evento, in download su Google Play e App store. “Sono già 2.000 e la regia dell’evento è affidata a oltre 350 ‘magliette gialle’ tra i 18 e i 35 anni.

LEGGI ANCHE: Vda, sì a ‘legge omnibus’. La morra diventa gioco della tradizione valdostana

IL SOSTEGNO DELLA REGIONE VDA E DEL COMUNE

Il lavoro di rete vede coinvolti più di 78 soggetti diversi e la kermesse può contare sul sostegno della Regione Valle d’Aosta e del Comune di Aosta. “Il gioco è una scoperta e un lavoro totalmente culturale- spiega l’assessore alla Cultura del Comune di Aosta Samuele Tedesco- apriremo il salone consiliare del Comune di Aosta, sarà una prima porta che si apre in vista della candidatura di Aosta a capitale italiana della cultura”. “Con piacere mettiamo a disposizione i luoghi della cultura- aggiunge Cristina De La Pierre, sovrintendente ai Beni e alle Attività culturali della Regione Valle d’Aosta- perché GiocAoasta è un modo diverso di scoprire e vivere la città in modo insolito. È un appuntamento consolidato e atteso che unisce cittadini e turisti, giovani e meno giovani, in un clima di svago e scoperta collettiva”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-08-02T19:56:07+02:00