Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Medico aggredito al Pronto Soccorso di Putignano, Anelli (Omceo): “Ora basta”

Lo dichiara il presidente dell’Omceo Bari e della Federazione nazionale degli Ordini dei medici commentando l’ennesima violenza ai danni di un medico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Esprimo la mia solidarietà personale e quella dell’Ordine dei medici che rappresento al collega che è stato aggredito ieri mentre era in servizio al Pronto soccorso di Putignano“. Lo dichiara Filippo Anelli, presidente dell’Omceo Bari e della Federazione nazionale degli Ordini dei medici commentando l’ennesima violenza ai danni di un medico. L’episodio risale a ieri quando una ragazza si è presentata al pronto soccorso di Putignano insieme ad alcuni familiari, che hanno avuto una discussione con l’infermiere addetto al triage perché non volevano aspettare il loro turno. Quando la ragazza è stata ammessa in sala visite, la suocera ha preteso di entrare insieme a lei e all’invito del medico a uscire ha iniziato ad aggredirlo prima verbalmente e poi sferrandogli uno schiaffo in pieno volto.

L’intervento della guardia giurata prima e dei carabinieri poi hanno risolto la situazione. A causa dell’aggressione il medico, che è cardiopatico, ha avuto un malore.

“Mi auguro – conclude Anelli – che il collega, che è molto provato da quanto accaduto, possa riprendersi e tornare quanto prima al lavoro. Mi rivolgo ai cittadini con le parole della nostra ultima campagna di comunicazione, tuttora in corso: se aggredisci un medico, tanto più in questo momento in cui tutti stanno lavorando per contenere la diffusione del CoVid-19, poi la vita chi te la salva?“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»